Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'azienda di Conegliano chiude l'anno in crescita: 19 milioni di fatturato

KEYLINE REGALA BUONO SPESA DA CENTO EURO AI DIPENDENTI

La gratifica arriverà ai cento addetti con lo stipendio di gennaio


CONEGLIANO - Keyline chiude il 2013 con segno positivo, passando nell’arco di 10 anni da 3 a 19 milioni di euro di fatturato. Un traguardo importante che l’azienda di Conegliano, impegnata da 250 anni a progettare e produrre chiavi e macchine duplicatrici, ha voluto festeggiare annunciando alle sue maestranze un premio di solidarietà di 100 euro. Il buono spesa per acquisto di alimentari sarà corrisposto a ciascuno degli oltre 100 dipendenti con lo stipendio di gennaio. A darne l’annuncio è stata Mariacristina Gribaudi, amministratrice unica di Keyline, durante la festa degli auguri con le maestranze, riunite nello stabilimento di via Camillo Bianchi.

Tradizione ed innovazione è il binomio che ha permesso a questa azienda di Conegliano di andare alla conquista dei mercati del mondo arrivando a vendere l’85% della produzione (40 milioni di chiavi con 7.000 profili) fuori dall’Europa. Un modello di impresa fortemente radicata sul territorio, come ha riconosciuto il presidente di Piccola industria di Confindustria, Alberto Baban (vice di Squinzi) che ha voluto essere presente all’incontro per lo scambio degli auguri natalizi, assieme, tra gli altri, all’assessore regionale Remo Sernagiotto e al sindaco di Conegliano Floriano Zambon. “Keyline – ha detto Baban – è il modello di impresa a cui dobbiamo guardare in futuro per la sua capacità di stare sul mercato e di restituire al territorio ciò che ha ricevuto”.

Durante la festa, in cui il titolare Massimo Bianchi ha presentato il volume di Claudio Ruggiero che ricostruisce la storia della famiglia imprenditoriale che nel 1770 iniziò a produrre chiavi nelle fucine del Cadore, è stato annunciata anche l’istituzione di due borse di studio del valore di 500 euro ciascuna che saranno assegnate ai dipendenti intitolate a Carlo Gribaudi, padre dell’amministratrice Mariacristina, altra figura di imprenditore illuminato.