Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vittoria sofferta ma meritata allo stadio Monigo per il Benetton di coach Goosen

I LEONI SI AGGIUDICANO IL DERBY D'ITALIA: ZEBRE SCONFITTE 20-15

Tra una settimana si replica: sabato 5 gennaio il ritorno a Parma


MONIGO - Vittoria sofferta come d'altronde ogni buon derby che si rispetti per il Benetton Treviso, nel terzo confronto di sempre con le Zebre. Partono male i Leoni, con le due aperture che non cominciano nel migliore dei modi con un errore per parte di Orquera e Mat Berquist. Il neozelandese, tuttavia, si rende protagonista in negativo attorno al 10' quando non vede la salita difensiva di Van Schalkwyk che intercetta e fa la breccia. Christian Loamanu riesce a placcarlo, ma dopo un paio di buoni break di Orquera e Garcia, l'azione arriva al largo con Bortolami che si allunga e schiaccia all'angolino per il vantaggio ospite. Poco dopo, Orquera si fa perdonare un paio di errori realizzando un calcio centrale da circa trenta metri. Nemmeno il tempo di esultare per i cugini trevigiani Cavinato e Casellato che Corniel Van Zyl stoppa il calcio di allegerimento avversario e trova lo spazio per recuperare palla e tuffarsi in meta. Orquera potrebbe recuperare solo pochi minuti dopo con quella che sembra una meta in allungamento per il numero 10 bianconero. L'arbitro McMenemy chiede l'intervento del tmo Falzone, che ravvisa un precedente "in avanti" di Berryman e si riparte con una mischia per Treviso sul 7-8. Il XV della Marca è padrone del campo nella seconda parte del primo tempo e nel finale realizza la meta del sorpasso. La rimessa arancione (maglia di partita) soffre, ma la mischia è dominante e conquista il fallo che Robert Barbieri sfrutta a 2' dal fischio, battendo velocemente e trovando il varco giusto. Lo sostiene Manoa Vosawai che rompe il placcaggio, cade, ma riesce a rialzarsi per il 14-8.

La ripresa si apre con varie fasi a favore delle Zebre, alcune forse viziate anche da passaggi al limite. La palla viene infine raccolta da Van Schalkwyk che trova il varco giusto tra Corniel Van Zyl ed Alberto Sgarbi ed arriva al centro dei pali per il controsorpasso parmense. Mat Berquist al 10' ha l'occasione del +2, ma scivola al momento del calcio e centra il palo. Il numero 10 si fa perdonare più tardi realizzando il controsorpasso per il 17-15 ma falisce poi, tuttavia, un paio di tentativi da centrocampo, che avrebbero potuto dare maggior tranquillità ai suoi. Nel finale, prima un drop fallito da posizione centrale per Palazzani e poi il calcio della sicurezza di Mat Berquist per il definitivo 20-15. 

 

MARCATORI: pt 12' Bortolami meta; 18' Orquera p.; 19' Van Zyl meta tr. Berquist; 38' Vosawai meta tr. Berquist; st 3' Van Schalkwyk meta tr. Orquera; 19' Berquist p.; 37' Berquist p.

BENETTON TREVISO: Williams; Nitoglia, Loamanu, Sgarbi, McLean; Berquist, Gori (st 15' Botes); Barbieri, Zanni, Vosawai (st 29' Budd); Van Zyl (st 25' Bernabò), Pavanello; Cittadini (st 32' Fernandez-Rouyet), Ghiraldini (st 35' Sbaraglini), De Marchi. A disp.: Rizzo, Fuser, Ambrosini. All. Goosen.

ZEBRE: Palazzani; Venditti, Quartaroli (st 32' Toniolatti), Garcia, Berryman; Orquera, Leonard (st 34' Chillon); Vunisa, Van Schalkwyk (st 35' Cristiano), Bergamasco (st 22' Ferrarini); Bortolami, Geldenhuys; Chistolini (st 14' Leibson), Giazzon (st 7' D'Apice), Perugini (st 7' Aguero). A disp.: Caffini. All. Cavinato.

ARBITRO: McMenemy della Federazione Scozzese.

NOTE: pt 14-8; cartellino giallo a: Geldenhuys (st 38'), Ferrarini (st 39'); spettatori: 4862; RaboDirect Man of the Match: Andries Van Schalkwyk (Zebre); calciatori: Benetton Treviso 4/8 (Berquist 4/8), Zebre 2/4 (Orquera 2/4); punti in classifica: Benetton Treviso 4, Zebre 1.