Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Bilancio di fine anno e metà mandato per l'Ente di Sant'Artemio

PROVINCE IN VIA D'ESTINZIONE DAL 2014 TREVISO SOLA IN VENETO

Muraro : "Chiederemo al WWF di inserirci tra le specie protette”


TREVISO - “Dopo il 2014 chiederemo al WWF di inserirci tra le specie protette come i panda” a parlare Leonardo Muraro, presidente della Provincia di Treviso che in occasione del consueto bilancio di fine anno e del bilancio di metà mandato ha voluto commentare così lo scenario che si prospetta dal 2014 quando rimarrà l’unico presidente di Provincia veneto e uno dei quindici italiani “eletti dal popolo” come ha tenuto a precisare.

Un bilancio positivo anche se non paragonabile a quello di qualche anno fa visto che spending review, patto di stabilità e tagli ai trasferimenti hanno diminuito di quasi 20 milioni di euro il budget della provincia e impediscono di riutilizzare per i cittadini le risorse dell’avanzo di bilancio.

Cosa cambierà nel prossimo futuro? “Sicuramente il fatto che chi amministrerà la Provincia non sarà più eletto dal popolo ma nominato dai partiti. E inoltre c’è da chiedersi che ragioni ci siano nell’abolire le Provincie, che rappresentano solo l’1,4% dei costi della spesa pubblica, quando poi il governo Letta, con l’ultimo decreto, ha nominato 220 nuovi Prefetti a fronte di 107 Prefetture italiane. Prefetti con la riserva, dunque?”