Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/244: AUSTRALIA E SUD AFRICA OPEN, DEBACLE AZZURRA

Italiani sottotono negli ultimi due tornei prima delle festività


TREVISO - Due tornei di rilievo dell’European Tour, prima di una breve pausa.  Ad Albany, New Providence, organizzato in combinata tra European Tour e PGA of Australia, si è giocato l’Isps Anda. sul percorso del Royal Pines (par 72) a Benowa, nel Queensland. Montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il gup rigetta la richiesta di patteggiamento per i quattro albanesi arrestati a luglio

TROPPO POCHI DUE ANNI PER LA BANDA DEI FURTI: A PROCESSO

Vennero bloccati a Preganziol con oro, 4 mila euro e 2 mila dollari


PREGANZIOL – (gp) Troppo poco riuscire a cavarsela con due anni di reclusione e la sospensione condizionale della pena. Per questo il gup Umberto Donà, nonostante il parere favorevole del pm Iuri De Biasi, ha rigettato la richiesta di patteggiamento presentata dai quattro imputati albanesi finiti sotto accusa perchè ritenuti parte di una banda dedita ai furti in casa. Difesi dagli avvocati Stefania Bertoldi e Fabio Busnardo, torneranno in aula per il processo con rito immediato a inizio febbraio, quando con ogni probabilità verrà ripresentata la richiesta di patteggiamento a due anni di reclusione. Alla sbarra ci sono Eni Koliqi, 23 anni, Muharrem Tafa, 24 anni, Albert Sata, 29 anni, e Amarildo Loku, 24 anni. Con loro, il 21 luglio scorso a Preganziol, venne arrestata anche Lisa Crescentini, 27 anni, ma la sua posizione è stata archiviata già in fase d'indagine. I cinque erano stati intercettati a bordo di un'alfa 147 di colore grigio: all'interno dell'auto gli agenti delle volanti della polizia avevano trovato oltre a diversi arnesi da scasso, anche 4 mila euro e 2 mila dollari in contanti, monili in oro, argenteria per un peso complessivo di 35 kg e vari preziosi di rilevante valore come anelli in oro e con brillanti. A tradirli era stata una loro incertezza: lungo il Terraglio, alla vista della volante, l'Alfa 147 aveva cercato di invertire la marcia e scappare. Una manovra repentina che aveva insospettito gli agenti e che diede vita a un breve inseguimento.