Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

ASCOLTA AUDIO Vertice in Prefettura, il Collettivo replica: "Noi non ce ne andiamo"

EX SEDE FILT CGIL OCCUPATA, NEI PROSSIMI GIORNI LO SGOMBERO

Prefetto ed il sindaco Manildo: "La legalità deve essere ripristinata"


TREVISO - "La legalita' deve essere ripristinata": è questo il messaggio lanciato dal sindaco di Treviso, Giovanni Manildo, e dal prefetto Maria Augusta Marrosu al termine del vertice che si è svolto stamani in Prefettura per definire i dettagli dello sgombero dell'ex sede Filt Cgil di Treviso, occupata dal Collettivo Ztl. Presenti i rappresentanti delle varie forze dell'ordine tra cui polizia e carabinieri. Mentre sembra ormai imminente un intervento, proseguono le indagini della Digos per identificare gli autori del raid incendiario, avvenuto domenica notte con il lancio di una molotov verso la sede della "Casa dei beni comuni" di via Zermanese. Per ora poco trapela dagli investigatori che non possono purtroppo contare sull'eventuale ausilio delle telecamere di videosorveglianza, di cui la zona è sprovvista. La matrice del gesto sarebbe però ben definita: l'estrema destra trevigiana. Nel corso del comitato per l'ordine e la sicurezza il sindaco Manildo ha fermamente condannato il gesto intimidatorio ma ha invitato pure i giovani del Collettivo Ztl di abbandonare la sede dell'ex Filt Cgil. “Noi non ce ne andiamo”: rispondono seccamente dal Collettivo Ztl alla luce dell'ormai prossimo sgombero. Gli attivisti proseguono l'occupazione dello stabile in cui è stata creata anche una piccola aula studio dedicata agli studenti. Queste le parole del sindaco Giovanni Manildo e di Nicola Vendraminetto, membro del Collettivo.
Molotov, la condanna della Cgil

“Atti vili e spregevoli. Si ripristini la legalità, per tutti” ha commentato Giacomo Vendrame, segretario generale della CGIL di Treviso, inorridito alla notizia del lancio di una molotov di fronte alla Casa dei Beni Comuni di via Zermanese. “Treviso non può diventare una città ostaggio di bande, della violenza e dell’illegalità. Intimidazioni di ogni forma sono foriere di pensieri eversivi e antidemocratici. E per questo vanno condannate – ha tuonato Vendrame. – Come Sindacato siamo molto preoccupati per quest’azione di stampo neofascista compiuta ai danni della sede di via Zermanese tanto quanto osserviamo con diffidenza il prendere piede di sacche di irresponsabilità che rischiano di avvallare ulteriori fenomeni violenti e di istillare indirettamente un clima pericoloso”.


Galleria fotograficaGalleria fotografica