Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Questa la strategia adottata da una 32enne di Paese per tentare di contenere la pena

FARMACI RUBATI AL CA' FONCELLO: EX INFERMIERA RISARCISCE L'ULSS 9

Colpiti i reparti di pediatria e geriatria: trafugava benzodiazepine


TREVISO – (gp) La strategia è quella di risarcire l'Ulss 9 del danno subìto in modo da contenere il più possibile l'entità del patteggiamento della pena e di convertirla da detentiva a pecuniaria. Rendendo onte le proprie intenzioni, un'ex infermiera 32enne di Paese, difesa dall'avvocato Alessandra Nava, ha ottenuto un rinvio dell'udienza preliminare a marzo che la vede imputata di furto aggravato proprio per poter versare all'azienda ospedaliera il corrispettivo dell'ammanco provocato dalle sue condotte. Per l'accusa la donna rubava infatti medicinali nel reparto di pediatria del Ca' Foncello per calmare la sua dipendenza dalla droga. Stando a quanto sostenuto dal pm Giovanni Valmassoi, non ci sarebbero dubbi sul fatto che sia stata lei nel gennaio 2012 ad asportare dagli armadietti della pediatria quelle sei fiale di Midazolam, una benzodiazepina ad azione rapida con effetto sedativo utilizzata per lo più nel campo dell'anestesia. E anche l'imputata non nega di essere la responsabile di quanto le viene contestato. Il caso era venuto alla luce in seguito ad alcune segnalazioni della direzione sanitaria dell'ospedale che si era accorta degli ammanchi di alcuni farmaci. Il fatto che dagli armadietti scomparissero sempre gli stessi medicinali, soprattutto farmaci derivati dagli oppiacei, aveva destato qualche sospetto. E ben presto ricaddero sull'ex infermiera, che a gennaio del 2012 venne sorpresa mentre si aggirava nel reparto di pediatria in piena notte. La Squadra Mobile di Treviso venne messa così sulle sue tracce. Dopo aver scoperto che nel novembre 2011, al termine di tre anni di servizio, si era licenziata, i poliziotti hanno deciso di perquisire la sua abitazione dove vennero rinvenuti alcuni flaconi di Midazolam. Una volta scoperta l'ex infermiera ha confessato tutto, dicendo inoltre di aver asportato anche nell'ottobre precedente alcuni farmaci dal reparto di geriatria.