Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

ASCOLTA AUDIO: Tuona Lello Voce: "Il Comune ha un atteggiamento ipocrita"

SE ARRIVA IL BANDO DI CA' SUGANA ZTL PRONTO A LASCIARE L'EX FILT

Si tratta per evitare lo sgombero, in serata assemblea del Collettivo


TREVISO - Quando ci sarà la certezza del tanto atteso bando da parte di Ca' Sugana per l'assegnazione di uno spazio, il Collettivo Ztl abbandonerà volontariamente l'ex sede della Filt Cgil, occupata da oltre due settimane. Nel gelo dei rapporti tra l'amministrazione comunale ed i ragazzi di Ztl spunta ora questa via d'uscita per arrivare ad una soluzione del caso ed evitare lo sgombero dell'edificio. Mercoledì, a parlare in modo chiaro, erano stati il sindaco di Treviso Giovanni Manildo ed il Prefetto, Maria Marrosu che al termine di un vertice avevano riferito di voler “ripristinare la legalità”. La replica del Collettivo era stata altrettanto rigida. “Noi non ce ne andiano”: avevano detto fli attivisti. Oggi una possibile svolta pacifica della situazione: in serata il Collettivo Ztl per fare il punto della situazione si riunirà in assemblea (nell'audio Max Furlan, uno degli attivisti). Oggi a tuonare, con un articolo comparso sul sito de “Il Fatto quotidiano”, è stato uno dei garanti del Collettivo, Lello Voce. L'artista si è scagliato pesantemente sia contro l'amministrazione comunale trevigiana che starebbe tenendo “un atteggiamento ipocrita” ed il Prefetto Marrosu, “una delusione” secondo Lello Voce.
La replica del Pd alle accuse del poeta. Dopo le accuse che ci sono state rivolte come Partito Democratico credo sia necessario qualche chiarimento. Come PD trevigiano abbiamo sempre riconosciuto l’emergenza che la città vive da troppi anni riguardo alla mancanza di spazi dedicati alla socialità. Questo tema ci ha visti batterci e formulare proposte in campagna elettorale e ci vede fortemente impegnati ora, come partito di maggioranza, in dibattiti, approfondimenti e proposte concrete. Ora, che l’era Gentilini è finita, crediamo siano le istituzioni a dover dare risposte tempestive a questa esigenza. Il Sindaco Manildo si sta attivando per recuperare degli spazi idonei e per renderli disponibili a coloro che intendano impegnarsi alla crescita sociale e culturale di Treviso e credo sia questa la direzione giusta. Il Partito Democratico di Treviso continuerà perciò a lavorare con i propri amministratori per proseguire il loro operato e dare risposte rapide e di prospettiva sulla questione degli spazi per la collettività.