Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, Barbiero: "Nel 2014 ridato molto meno di quanto è stato tolto"

PENSIONI NON RIVALUTATE, 106 MILIONI IN MENO NELLA MARCA

Il dossier della Spi Cgil: "Colpiti più di 67mila ex lavoratori trevigiani


TREVISO - Il blocco della rivalutazione delle pensioni è costato ai lavoratori trevigiani a riposo oltre 106 milioni di euro in meno in due anni. A sostenere il sacrificio 67.391 pensionati, che ricevono un vitalizio superiore a 1.486 euro mensili: per queste categorie, infatti, il governo ha sospeso l'adeguamento delle pensioni al costo della vita. Secondo i calcoli dello Spi, il sindacato pensionati della Cgil, di Treviso, il provvedimento ha comportato un taglio in media da 48 a 89 euro al mese per ogni iscritto all'Inps, a seconda delle varie fasce.

Da quest'anno, la rivalutazione è stata reintrodotta ma con importi, secondo lo Spi, minimi rispetto a quanto percepito in passato: l'incremento oscillerà tra i 14 e i 20 euro a testa. Cifre del tutto inadeguate a compensare i rincari generalizzati in molti settori e servizi essenziali, ribadisce Paolino Barbiero, segretario provinciale dell'organizzazione sindacale: “Molto è stato tolto, troppo poco viene rimesso in gioco. Sul fronte dell’equità la partita è ancora aperta. Quello che viene ridato oggi attraverso il ripristino parziale della rivalutazione media è imparagonabile e nettamente inferiore al sacrificio richiesto ai pensionati nel 2012 e nel 2013”.