Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'asetnsione degli avvocati rimanda al gennaio 2015 l'apertura del dibattimento

CASO MONSILE: PRIMA UDIENZA PER L'EX CDA, MA IL PROCESSO SLITTA

Quattro gli imputati, tra cui l'ex presidente Bin e l'ex dg Bianchin


TREVISO – (gp) Doveva essere la prima udienza del processo a carico degli ex vertici della Monsile, ma l'astensione delle udienze promossa dalle camere penali italiane ha fatto slittare l'apertura del dibattimento al gennaio 2015. Nulla di fatto dunque, almeno dal punto di vista giudiziario, per la vicenda della Banca di Credito Cooperativo di Monastier e del Sile, finito al centro di un'inchiesta della magistratura trevigiana che vede imputati l’ex presidente Claudio Bin, 54 anni di Oderzo, l’ex direttore generale Giannantonio Bianchin, 58 anni di Carbonera, l’ex vicedirettore Michele Baseggio, 62 anni di Casier e Silvano Sordi, 59 anni di Iseo, in provincia di Brescia. Per tutti l'accusa riguarda la violazione del decreto legislativo 385/93 in materia bancaria e creditizia e in particolare l’articolo relativo a “mendacio e falso interno bancario”. Le contestazioni della Procura riguardano in sostanza un mutuo di 280 mila euro che all'apparenza era destinato a una società per l'acquisizione di un ramo d'azienda ma in realtà, sempre secondo l'accusa, sarebbero stati soldi destinati a coprire lo scoperto che la madre del presidente Bin aveva con l'istituto di credito. Questa la sintesi degli inquirenti, che hanno spedito a processo tutto il vecchio cda dell'istituto di credito.