Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la pi¨ importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VerrÓ interrogato in carcere il 50enne di San Liberale: caccia aperta al complice

COLPO IN VIA CA' ZENOBIO: OTELLO LORENZON DOMANI DAL GIUDICE

Il capo della Squadra Mobile Enrico Biasutti al fuggitivo: "Costituisciti"


TREVISO – (gp) Verrà interrogato mercoledì mattina in carcere Otello Lorenzon, il 50enne di San Liberale arrestato dalla Squadra Mobile e dalle volanti della Questura di Treviso qualche ora dopo il furto messo a segno nella notte tra sabato e domenica in una villetta di via Ca' Zenobio, nel quartiere di Santa Bona. Secondo gli inquirenti sarebbe stato lui a dar vita alla violenta colluttazione con il 26enne Mirco Camerotto il quale, tornando a casa della nonna con la fidanzata, si e' trovato a tu per tu con i malviventi che si stavano dileguando dopo aver saccheggiato l'abitazione. Potrebbe essere proprio Lorenzon a fornire elementi utili per risalire al complice e permettere alle forze dell'ordine catturarlo. Nel caso si avvalesse della facoltà di non rispondere, gli investigatori hanno già in mano elementi utili per poter dare un volto e un nome al fuggitivo. Il dirigente della Squadra Mobile Enrico Biasutti ha infatti invitato il complice di Lorenzon a costituirsi, per evitare di aggravare ancora di più la sua posizione. La sua identificazione potrebbe essere infatti solo questione di tempo: la scientifica sta analizzando quanto rinvenuto sul posto: si parla di capelli, impronte digitali, tracce delle scarpe dei malviventi e mozziconi di sigarette. Reperti ai quali si aggiungerà l'esito delle indagini sui tabulati telefonici eseguiti sul cellulare che Lorenzon ha perso sul posto nel corso della colluttazione con Mirco Camerotto, che ha riportato ferite aa un occhio, alla fronte e alle mani.