Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Irina Ardeleanu, 27enne romena, se la cava con un anno e undici mesi di reclusione

"DAMMI 100 MILA EURO SENNÒ TI DENUNCIO": LUCCIOLA PATTEGGIA

Circuito e ricattato dalla donna un impiegato trevigiano di 51 anni


TREVISO – (gp) “Voglio 100 mila euro altrimenti ti denuncio”. Un tentativo di ricatto tutt'altro che velato che è costato a Irina Ardeleanu, una lucciola romena di 27 anni difesa in aula dall'avvocato Catia Salvalaggio, una pena patteggiata di un anno e undici mesi di reclusione. La donna, chiamata a rispondere anche del reato di circonvenzione d'incapace, era accusata di aver approfittato dell'incapacità psichica di un impiegato trevigiano di 51 anni, conosciuto lungo il Terraglio, riuscendo a spillargli in totale 35 mila euro, a ottenere un alloggio di proprietà dell'uomo senza pagare alcun affitto e a farsi assumere, seppur in nero, come badante dell'anziana madre. In più, attraverso minacce continue di denuncia per sfruttamento della prostituzione, avrebbe tentato di farsi intestare l'appartamento in cui viveva o di farsi consegnare, per mantenere il silenzio, 100 mila euro. L'uomo, grazie all'intervento di un amico, mise fine a quelle persecuzioni denunciando i fatti alla squadra mobile di Treviso. I due si erano conosciuti nel 2009: da un normale rapporto sessuale tra lucciola e cliente era nato in lui un sentimento di affetto che la donna, secondo l'accusa, sarebbe riuscita a sfruttare senza alcuno scrupolo. A fine 2010 la 27enne fece ritorno in Romania e da quel momento sarebbero iniziate le pressioni: pesantissime richieste di denaro per fantomatiche cure e operazioni chirurgiche a cui i famigliari avrebbero dovuto sottoporsi e lui, impietosito, sarebbe arrivato a inviarle tramite Western Union una somma complessiva di 35mila euro. La prostituta, nel maggio 2012, fece ritorno in Italia e ottenne di poter abitare in un appartamento di proprietà del 51enne, lavorando come badante per la madre. Fu nell'ottobre del 2012 che la situazione precipitò: la 27enne iniziò con le minacce pretendendo, in cambio della rinuncia a denunciarlo per lavoro nero e sfruttamento della prostituzione, l'intestazione dell'appartamento o, appunto, i 100mila euro in contanti per pagare il suo silenzio.