Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/187: IN FRIULI IL CAMPIONATO ITALIANO AIGG

Assegnati i tricolori 2017 dei giornalisti


TREVISO - Chiuso con l’ultima gara di Villa d’Este il Challenge Aigg Diavolina 2017 che mi aveva visto con un bel piatto d’argento, è ora la volta del Campionato individuale, che si gioca a Fagagna, al Circolo Golf Udine. Nelle giornate precedenti il Club aveva ospitato il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Giudizio immediato per Indrit Saliu, ilir Kokaj, Emanuel Lika e Bruxhino Murati

PROCESSO LAMPO PER LA BANDA DELLE VILLETTE: IN 4 DAL GIUDICE

Tutti albanesi, sono accusati di 20 furti in casa a Treviso e Pordenone


CONEGLIANO – (gp) Processo lampo per la banda delle villette. Il Sotituto procuratore Iuri de Biasi ha firmato la richiesta di giudizio immediato, vista la mole di prove raccolte che l'accusa ritiene schiaccianti, nei confronti dei quattro albanesi che nel giro di un mese, dal settembre 2013, avevano svaligiato 20 villette a cavallo delle Province di Treviso e Pordenone. L'avventura criminale di Indrit Saliu, 23 anni, Ilir Kokaj, 27 anni, Emanuel Lika, 24 anni, e di Bruxhino Murati, 20 anni, era terminata il 3 ottobre dello scorso anno quando i carabinieri di San Polo di Piave, dopo l'ultimo colpo messo a segno a Pravisdomini, erano stati fermati a bordo di una Renault Clio nera risultata rubata qualche giorno prima a Ponte di Piave. All'interno dell'auto e nell'abitazione degli albanesi successivamente perquisita, i militari avevano rinvenuto buona parte del bottino dei colpi messi a segno nelle settimane precedenti: pc, gioielli, borse, orologi e contanti del valore di diverse migliaia di euro.