Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/183: IL TROFEO ROLEX SEGNA L'ORA DI PEDRO ORIOL

Lo spagnolo si aggiudica il primo titolo, secondo l'azzurro Gagli


GINEVRA - Tappa appetitosa del Challenge Tour, il Trofeo Rolex, si gioca dal 23 al 26 agosto al Golf Club di Ginevra, a Cologny, in Svizzera. Nasce nel 1921 il Golf Ginevra, con l’appoggio dei funzionari della Società delle Nazioni; ha un debutto modesto, un percorso situato su...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannato per rapina impropria un 23enne ghanese di Santa Lucia di Piave

PRENDE A MORSI I DIPENDENTI DELL'OVIESSE: 2 ANNI E 2 MESI

Il 10 dicembre venne arrestato per aver preso 323 euro di vestiti


CONEGLIANO – (gp) Per assicurarsi la fuga aveva preso a morsi due dipendenti dell'Oviesse di Conegliano. Una condotta che gli è costata la contestazione del reato di rapina impropria aggravata e non quella semplice di furto. Per 323 euro di vestiti, tra l'altro abbandonati per strada per evitare di essere arrestato, un 23enne ghanese di Santa Lucia di Piave, attualmente agli arresti domiciliari a casa di uno zio a Villorba, è stato condannato a due anni e due mesi di reclusione. Una pena pesante a causa dei suoi precedenti guai con la giustizia e per i quali gli è stata contestata anche la recidiva specifica. Il giudice Francesco Sartorio, rigettando la richiesta di aggravamento della misura cautelare dagli arresti domiciliari al carcere, ha anche limato l'ipotesi di condanna a tre anni e sei mesi formulata dal pm Mara De Donà. I fatti risalgono al 10 dicembre scorso. Il giovane, entrato nel grande magazzino di viale Italia, aveva arraffato diversi capi d'abbigliamento cercando di uscire senza passare dalle casse. Notato dagli addetti alla sicurezza, venne fermato da una commessa e da un altro dipendente. Ma la reazione del 23enne fu violenta: prima sferrò un paio di spintoni a entrambi e poi li prese a morsi causando ferite alle mani dei malcapitati giudicate guaribili in tre giorni. Allertato il 112 dalla direzione del negozio, i carabinieri rintracciarono il ghanese poco dopo e gli strinsero le manette ai polsi.