Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND ╚ IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE ╚ IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerÓ l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannato per rapina impropria un 23enne ghanese di Santa Lucia di Piave

PRENDE A MORSI I DIPENDENTI DELL'OVIESSE: 2 ANNI E 2 MESI

Il 10 dicembre venne arrestato per aver preso 323 euro di vestiti


CONEGLIANO – (gp) Per assicurarsi la fuga aveva preso a morsi due dipendenti dell'Oviesse di Conegliano. Una condotta che gli è costata la contestazione del reato di rapina impropria aggravata e non quella semplice di furto. Per 323 euro di vestiti, tra l'altro abbandonati per strada per evitare di essere arrestato, un 23enne ghanese di Santa Lucia di Piave, attualmente agli arresti domiciliari a casa di uno zio a Villorba, è stato condannato a due anni e due mesi di reclusione. Una pena pesante a causa dei suoi precedenti guai con la giustizia e per i quali gli è stata contestata anche la recidiva specifica. Il giudice Francesco Sartorio, rigettando la richiesta di aggravamento della misura cautelare dagli arresti domiciliari al carcere, ha anche limato l'ipotesi di condanna a tre anni e sei mesi formulata dal pm Mara De Donà. I fatti risalgono al 10 dicembre scorso. Il giovane, entrato nel grande magazzino di viale Italia, aveva arraffato diversi capi d'abbigliamento cercando di uscire senza passare dalle casse. Notato dagli addetti alla sicurezza, venne fermato da una commessa e da un altro dipendente. Ma la reazione del 23enne fu violenta: prima sferrò un paio di spintoni a entrambi e poi li prese a morsi causando ferite alle mani dei malcapitati giudicate guaribili in tre giorni. Allertato il 112 dalla direzione del negozio, i carabinieri rintracciarono il ghanese poco dopo e gli strinsero le manette ai polsi.