Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ai Leoni non bastano un buon secondo tempo e due piazzati di Botes

TREVISO CHIUDE IN HEINEKEN SCONFITTO 24-6 A MONTPELLIER

Benetton subisce 4 mete e resta a zero punti nel torneo europeo


MONTPELLIER (FRANCIA) - Il Benetton Treviso si congeda dall'Heineken Cup con una sconfitta 24-6 a Montpellier. Dopo due mete subite nel primo tempo, i Leoni reagiscono nella ripresa, ma altre due segnature, che valgano ai transalpini il bonus, cancellano il sogno di Treviso di cancellare lo zero nella casella punti in questo torneo europeo. Entrambe le formazioni erano già eliminate dalla seconda fase della competizione. Nell'altra gara del girone 5, l'Ulster supera 22-19  a domicilio i Leicester Tigers, trascinato da un implacabile Ruan Pienaar (tutti suoi i punti nordirlandesi). Ora, dopo lo stop per il Sei Nazioni, la squadra di Goosen tornerà in campo sabato 8 febbraio in Pro 12 ospitando a Monigo gli Scarlets. 


MARCATORI: pt 20’ Ranger meta; 36’ Gorgodze meta; st 6’ Botes p.; 15’ Botes p.; 24’ Dupont meta tr. Escande; 42’ Berard meta tr. Escande.

MONTPELLIER: Floch (st 20’ Berard); Ranger, Tuitavake, Combezou, Dupont (st 25’ Audrin); Trinh-Duc (st 8’ Perraux), Escande; Beattie, Gorgodze (st 21’ Quercy), Bias; Demarco, Hamilton (st 10’ Privat); Mas (st 20’ Fa’anunu), Bianchin (st 12’ Geli), Nariashvili. A disp. Bustos. All. Galthiè.

BENETTON TREVISO: McLean; Nitoglia, Campagnaro, Pratichetti, Esposito (st 1’ Zanni); Ambrosini (st 35’ Di Bernardo), Botes (st 21’ Semenzato); Filippucci, Derbyshire (pt 7’ Minto), Loamanu; Bernabò, Fuser (pt 35’ Pavanello); Fernandez Rouyet (st 1’ Cittadini), Sbaraglini (st 28’ Ceccato), De Marchi (st 1’ Rizzo). All. Goosen.

ARBITRO: Ian Davies della Federazione Gallese.

NOTE: pt 10-0; spettatori: 9200; Heineken Man of the Match: Lucas Dupont del Montpellier. Cartellino giallo a: Filippucci (st 18’), Cittadini (st 35’) e Geli (st 38’); calciatori: Montpellier 2/4 (Trinh-Duc 0/2, Escande 2/2), Benetton Treviso 2/4 (Botes 2/3, Ambrosini 0/1); punti in classifica: Montpellier 5, Benetton Treviso 0.

 

Al 6' Botes fallisce un calcio piazzato. Allo stesso minuto deve uscire zoppicante Paul Derbyshire, sostituito da Francesco Minto.

Calcio di spostamento dei Leoni che sorprende la difesa francese, Filuppucci si tuffa sul pallone in meta. L'arbitro, dopo aver ricevuto il conforto del Tmo, però non convalida a causa di un precedente “in avanti”. Giallo a Filippucci con il Benetton costretto a resistere con un uomo in meno all'interno dei propri 22. E il Montpellier non si fa sfuggire l'occasione: i transalpini vincono al mischia, rapida trasmissione al largo, René Ranger resiste ad un placcaggio e si tuffa in meta, sbloccando il risultato al 19'. La trasformazione di Trinh-Duc è sballata, si resta sul 5-0. Il Montpellier va vicino a sfondare ancora, prima con Mas poi con Gorgodze.

Al 35' altro cambio prematuro: stavolta non ce la fa Fuser e dalla panca deve alzarsi Pavanello.

Dopo vari tentativi, al 35' i francesi riescono infine ad forzare la difesa trevigiana, raddoppiando le mete: azione corale con la palla portata oltre la linea dall'intero pack. A schiacciare l'ovale è Gorgodze. E buon per il Benetton, che Trinh- Duc continua a non aggiustare la mira.

Il secondo tempo inizia con una pregevole azione alla mano di Treviso con McLean e Loamanu, fermata in modo falloso dagli avversari. Botes infila i pali, accorciando per il Benetton al 6' (10-3). Neppure il tempo di gioire ed Escande, il mediano del Montpellier trova un'autostrada davanti a sé fino all'area di meta, complici alcuni placcaggi mancati dai difensori biancoverdi. Per fortuna di Treviso, non sfugge all'occhio elettronico che l'avvio della cavalcata era viziato da un tocco in avanti. Segnatura annullata, si riprende a giocare con una meta a favore del Benetton. Ma la prima linea dei Leoni continua ad essere perforata con troppa facilità. L'ingresso in campo dei nazionali, tuttavia, dà nuova linfa al gioco trevigiano, migliorando la conquista di palla. Un'ulteriore occasione per accorciare sotto il break arriva su una punizione, concessa per il crollo della mischia francese. Da circa 24 metri, posizione centrali, Botes al 16' non fallisce (10-6).

Al 24', però, gli avanti transalpini rompono un placcaggio e aprono il varco decisivo per la terza meta siglata dall'ala sinistra Lucas Dupont, trasformata da Escande (17-6). Ambrosini, nuovo calciatore trevigiano dopo l'uscita di Botes, non centra l'acca da distanza considerevole, ma da posizione invitante. Mentre Dupont viene designato migliore del match, il giallo a Cittadini lascia il Benetton in inferiorità numerica per gli ultimi sei minuti e mezzi. Ultimo “sgarbo” del Montpellier: al primo minuto di recupero, Berard arriva la quarta meta con tanto di bonus. La trasformazione realizzata da Escande manda tutti sotto la doccia sul 24-6.