Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ora toccherà al nazionale stabilire il nuovo segretario cittadino

LA SFIDA PER LA LEGA DI TREVISO FINISCE IN PERFETTA PARITÀ

Mario Conte e Massimo Candura raccolgono 39 voti a testa


TREVISO - Perfetta parità nelle votazioni per il nuovo segretario della circoscrizione di Treviso della Lega Nord: i due candidati, Mario Conte e Massimo Candura hanno raccolto 39 consensi a testa. Ovvero i 78 votanti presentatisi alle urne, su 106 aventi diritto, si sono divisi esattamente a metà. L'elezione è dunque sospesa: ora toccherà al direttivo confederale, cioè nazionale, sbloccare l'impasse decretando, a norma di regolamento, il vincitore. Un esito a sorpresa, quello andato in scena al K3: dopo il ritiro dalla sfida di Riccardo Barbisan, consigliere comunale, espressione dell'anima del partito cosiddetta "lealista", la strada verso la segreteria pareva spianata per Mario Conte, a sua volta in Consiglio Comunale. I fedeli della vecchia guardia, invece, hanno preferito convergere su un altro candidato e si è così determinata la spaccatura.