Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Atti rispediti al pm perchè manca nel fascicolo la lista delle persone offese

POLIZZE VITA COL TRUCCO: RIPARTE DA ZERO IL PROCESSO AL BROKER

Sarebbero 16 le famiglie raggirate per un totale di un milione di euro


ODERZO – (gp) Il processo a carico del sub-agente assicurativo di Chiarano che secondo l'accusa avrebbe truffato 16 clienti facendosi consegnare oltre un milione di euro dovrà ripartire dall'inizio. Il giudice ha infatti rispedito gli atti al pm perchè si è “smarrita” una delle prove fondamentali per portare avanti l'accusa nei confronti del broker: la lista delle 16 famiglie, con tanto di cifre sborsate, è stata inserita nel capo d'imputazione come allegato ma nel fascicolo non c'è. Per cui il decreto di citazione diretta a giudizio, come sostenuto dalla difesa, risulta nullo. In altre parole si deve rifare tutto, e i tempi per giungere a sentenza, che sia di condanna o di assoluzione, inevitabilmente si allungano facendo avvicinare, e non di poco, lo spettro della prescrizione. Secondo l'accusa il broker assicurativo, utilizzando fotocopie dei contratti delle polizze vita della Ras e delle Generali, avrebbe tenuto per sé i pagamenti di coloro che aveva contattato invece di versarli nelle casse delle due agenzie assicurative. A portare alla luce la presunta condotta illecita era stata una delle famiglie che, per la Procura, avrebbe raggirato: le indagini erano infatti partite dopo la segnalazione di due coniugi i quali, per verificare quanto stesse loro fruttando la polizza vita, invece di contattare l'agente si erano recati direttamente in agenzia. C'è da dire che le due compagnie assicurative interessate, oltre a essere all'oscuro dei contratti stipulati dall'imputato, hanno già risarcito tutte le famiglie coinvolte e hanno l'intenzione di costituirsi parte civile al processo per recuperare le somme sottratte illecitamente, oltre al risarcimento danni. Sono state loro infatti ad avviare l'azione giudiziaria sporgendo formale denuncia contro Rorato per i reati di truffa e falso.