Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Diversi gli episodi contestati: nel più grave spinse la coniuge giù dalle scale di casa

PICCHIA MOGLIE E FIGLI PER ANNI: A GIUDIZIO UN 53ENNE TREVIGIANO

Le accuse: maltrattamenti in famiglia e abuso dei mezzi di correzione


TREVISO – (gp) Per anni avrebbe picchiato e minacciato non solo la moglie, ormai ex, ma anche i due figli minori. Condotte che hanno spedito a processo un 53enne di origini sarde ma residente a Treviso da tempo per rispondere delle accuse di maltrattamenti in famiglia, minacce, lesioni e abusi dei mezzi ddi correzione. Gli episodi, diversi nel corso degli anni, avrebbero raggiunto l'apice nell'ottobre del 2008. Oltre ai continui insulti e alle sistematiche minacce, stando al capo d'imputazione l'uomo avrebbe colpito a calci e pugni il figlio di appena 8 anni per punirlo dopo essersi arrampicato su un armadio. Botte che fecero cadere il piccolo a terra causandogli una contusione all'osso sacro per cui dovette ricorrere alle cure mediche. Peggio è andata alla figlia di 16 anni: dopo averla aggredita, l'uomo l'avrebbe colpita con delle manate in faccia e lei, per difendersi, riportò la distorsione di un dito. Una settimana più tardi però, l'11 ottobre 2008, il 53enne si sfogò contro la moglie: dopo l'ennesimo litigio, l'uomo la spinge giù dalle scale di casa. Un volo che potenzialmente poteva costare carissimo alla donna che se la cavò con un trauma cranico commotivo e la rottura di una vertebra sacrale per una prognosi di 40 giorni. Fu anche l'episodio che portò a galla la vicenda, facendo finire a processo il padre e marito violento. A metà luglio è attesa la sentenza.