Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il lavoro di Erika Lorenzon e Francesca Gallo sugli scritti dei militari italiani internati

MEMORIE E CANTI DELLA DEPORTAZIONE, UNO SPETTACOLO PER NON DIMENTICARE

"Come branchi di zebre..." sabato 25 gennaio all'auditorium delle Stefanini


TREVISO - Dovevano scegliere se deporre le armi o passare dalla parte dei tedeschi, alleati fino al giorno prima e ora nemici occupanti. Dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943, il 90% dei militari italiani appoggiò la scelta italiana, e si oppose ai vecchi alleati. Oltre un milione di soldati vennero disarmati dai nazisti, e 800mila furono internati nei campi di concentramento.

Alcuni di questi soldati scrissero delle ingiustizie e atrocità che videro e subirono. Scrissero nei loro diari, per non dimenticare. A raccogliere le memorie di questi uomini è stata la storica Erika Lorenzon che ha deciso di creare una narrazione per portare queste testimonianze a conoscenza di quante più persone possibili. Nasce così lo spettacolo "Come branchi di zebre..." - spiega ai nostri microfoni la fisarmonicista Francesca Gallo, che accompagna Lorenzon in scena con il suo strumento. Le vicende, dall'armistizio alla liberazione, vengono ripercorse attraverso i diari delle vittime, i canti della resistenza e della deportazione.

Lo spettacolo, nato un anno fa, andrà in scena sabato 25 gennaio all'auditorium delle scuole Stefanini di Treviso.

Alessandra Ghizzo











Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
19/04/2013 - "Come branchi di zebre..."
La storia dopo l'armistizio del '43