Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'assessore Manfio: "Modo per favorire una seconda chance"

SCONTARE LA PENA CURANDO IL VERDE O RACCOGLIENDO RIFIUTI

Ca' Sugana vuole utilizzare detenuti per lavori socialmente utili


TREVISO - “La pena detentiva non sia solo punitiva, ma anche un modo per conoscere delle professionalità che non si hanno e per offrire un servizio alla collettività”. Con queste parole l’assessore al Sociale del comune di Treviso, Liana Manfio annuncia che l'amministrazione intende impiegare persone detenute in lavori utili alla città. L’idea della giunta ora dovrà trovare applicazione in una convenzione tra Comune, il carcere di Treviso e i gestori dei servizi dove verranno utilizzati i detenuti: è la stessa legge, la 93 del 2013, a sancire la possibilità d’impiego per le persone carcerate, possibilmente in strutture pubbliche. Alcuni di questi soggetti stanno finendo di scontare il periodo di carcerazione, e dunque, una volta usciti, grazie a questa esperienza professionale, potrebbero avere maggiori opportunità di trovare un lavoro e di rifarsi una vita Oltre a favorire un'occasione di reinserimento sociale, spiega Manfio, però, ne potrebbe beneficiare anche l'efficienza stessa dei servizi, viste le carenze di risorse e di personale che gravano su molti settori della stessa amministrazione. Un primo ambito di occupazione per questi speciali lavoratori, ad esempio, potrebbe essere il verde pubblico e la pulizia della città, in accordo con i vertici di Contarina. “Certo il momento economico è complesso – nota l'assessore – ma una chance in più non si nega a nessuno”.