Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

L'intervista alla ricercatrice storica, prof. Francesca Meneghetti

IL CAMPO DI CONCENTRAMENTO DI TREVISO, PER NON DIMENTICARE

Tra il 1942 e 43 vennero detenuti migliaia di civili jugoslavi


disegno del pittore internato Vlado Lamut

TREVISO - Che cos'era il campo di concentramento di Treviso? Nel giorno ufficiale della commemorazione delle vittime della Shoah e delle persecuzioni naziste, vogliamo ricordare una pagina di storia trevigiana, a lungo rimossa, che si colloca nel periodo della seconda Guerra Mondiale, ma si distingue dalle realtà dei campi di sterminio o di lavoro destinate agli ebrei.

Con la professoressa Francesca Meneghetti, ricercatrice Istresco e autrice del libro “Di là del Muro. Il campo di concentramento di Treviso (1942-43)”, abbiamo delineato la realtà del campo di concentramento di Treviso, costruito per detenere i civili jugoslavi strappati dai loro territorio in seguito all'occupazione del 1942 da parte dell'Italia e di altri paesi alleati. Uomini, donne e bambini vennero internati dal luglio del 1942 fino all'8 settembre 1943 nella struttura di Monigo, dove oggi si trova la caserma Cadorin. In questa intervista la professoressa Meneghetti ha illustrato i principali punti della questione: dal perché dell'internamento, alle condizioni di vita dei detenuti, dalla conversione del campo con l'armistizio del '43 alle ragioni che in seguito portarono all'oblio collettivo di questa pagina di storia.

 

Tra le iniziative ricordiamo l'esposizione a Palazzo dei Trecento dei lavori prodotti l'anno scorso dagli studenti delle scuole superiori di Treviso sul campo di concentramento di Treviso. Sempre presso il palazzo dei Trecento, viene ospitata una mostra dedicata agli omosessuali detenuti nei lager nazisti.

Le mostre saranno visitabili fino al 10 febbraio tutte le mattine (anche festivi) dalle ore 9 alle 13.



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
18/01/2012 - 70° del campo di concentramento di Monigo