Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND ╚ IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE ╚ IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerÓ l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto accusa per appropriazione indebita una delle fondatrici di "Oltre il labirinto"

FONDI PER L'AUTISMO SCOMPARSI: A PROCESSO L'EX VICEPRESIDENTE

La 45enne di Cordignano chiede di risarcire il danno da 61 mila euro


CORDIGNANO – (gp) Secondo la Procura di Treviso si sarebbe intascata circa 61 mila euro dell'associazione “Oltre il labirinto onlus”, di cui era una delle fondatrici, nonché vicepresidente e tesoriere. Denaro destinato a progetti e iniziative solidali nei confronti di persone affette da autismo. Finita a processo per rispondere dell'accusa di appropriazione indebita, la 45enne di Cordignano Susi Corbetta ha chiesto un rinvio dell'udienza per poter risarcire il danno all'associazione, costituitasi parte civile per conto di decine di famiglie. La donna dovrà tornare in aula a ottobre. Secondo gli inquirenti dall'ottobre 2010 al marzo 2012, cioè quando il presunto ammanco sarebbe stato scoperto, Susi Corbetta sarebbe riuscita a distrarre le somme dalle casse della onlus utilizzandole per scopi privati. Il presidente di “Oltre il labirinto” aveva sostenuto che la sopravvivenza della fondazione era stata messa a rischio: per mantenere in vita la onlus, le famiglie si sarebbero infatti autotassate per ripianare il buco, avviando in parallelo una causa civile per rientrare in possesso di quelle somme, oltre ai danni subìti.