Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 36enne di Fontigo può uscire dal carcere per lavorare e pranzare con la madre

DIECI ANNI PER TENTATO OMICIDIO: EDDI MARIOTTO È IN SEMILIBERTÀ

Nel novembre 2008 tentò di uccidere la moglie gettandola in un canale


SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA – (gp) Condannato a dieci anni di reclusione per aver tentato di uccidere la moglie, dopo poco più di cinque scontati dietro le sbarre può usufruire già del regime di semilibertà. Protagonista della vicenda è il 36enne Eddi Mariotto, imprenditore edile di Fontigo, che in molti hanno già visto girare per il paese. Da qualche mese infatti l'uomo può lasciare il carcere di Santa Bona ogni mattina per andare a lavorare in un'azienda nel Quartier del Piave e pranzare poi con la madre, prima di far ritorno nella cella in cui è rinchiuso da più di cinque anni. Era nel novembre del 2008 quando Mariotto venne arrestato, venti giorni più tardi di quello che aveva lui stesso dipinto come il tentativo della moglie di togliersi la vita. Ma, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, quello di Mariotto non sarebbe stato altro che un piano lucido per far fuori la coniuge. Soltanto il caso volle che la donna riuscisse a salvarsi: era il 7 novembre 2008 quando la 36enne venne ripescata dalla acque del canale Castelletto, nei pressi della centrale Enel di Colfosco di Susegana, dopo essere stata notata da un vigile urbano che passava di là. La donna non sapeva nuotare, e fu il piumino che indossava a funzionare da salvagente per tenerla a galla. In pratica, secondo l'accusa, l'unico particolare a cui Mariotto non aveva pensato. Fu infatti lui, che l'aveva portata fuori a cena con l'auto di lei e poi attirata sulle rive del canale prospettandole una passeggiata romantica, a spingerla nel canale per mettere la parola fine a quel matrimonio e poter andare a vivere con l'amante. Il suo piano venne però scoperto nel giro di tre settimane. Nell'ottobre 2009, con rito abbreviato, l'uomo venne condannato a dieci anni di reclusione per tentato omicidio. Sentenza poi confermata in appello e passata in giudicato. Da quel momento la condotta all'interno del carcere sarebbe stata esemplare, tanto da consentirgli di ottenere la semilibertà non appena i termini di legge gliel'hanno permesso.