Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 36enne di Fontigo pu˛ uscire dal carcere per lavorare e pranzare con la madre

DIECI ANNI PER TENTATO OMICIDIO: EDDI MARIOTTO ╚ IN SEMILIBERT└

Nel novembre 2008 tent˛ di uccidere la moglie gettandola in un canale


SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA – (gp) Condannato a dieci anni di reclusione per aver tentato di uccidere la moglie, dopo poco più di cinque scontati dietro le sbarre può usufruire già del regime di semilibertà. Protagonista della vicenda è il 36enne Eddi Mariotto, imprenditore edile di Fontigo, che in molti hanno già visto girare per il paese. Da qualche mese infatti l'uomo può lasciare il carcere di Santa Bona ogni mattina per andare a lavorare in un'azienda nel Quartier del Piave e pranzare poi con la madre, prima di far ritorno nella cella in cui è rinchiuso da più di cinque anni. Era nel novembre del 2008 quando Mariotto venne arrestato, venti giorni più tardi di quello che aveva lui stesso dipinto come il tentativo della moglie di togliersi la vita. Ma, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, quello di Mariotto non sarebbe stato altro che un piano lucido per far fuori la coniuge. Soltanto il caso volle che la donna riuscisse a salvarsi: era il 7 novembre 2008 quando la 36enne venne ripescata dalla acque del canale Castelletto, nei pressi della centrale Enel di Colfosco di Susegana, dopo essere stata notata da un vigile urbano che passava di là. La donna non sapeva nuotare, e fu il piumino che indossava a funzionare da salvagente per tenerla a galla. In pratica, secondo l'accusa, l'unico particolare a cui Mariotto non aveva pensato. Fu infatti lui, che l'aveva portata fuori a cena con l'auto di lei e poi attirata sulle rive del canale prospettandole una passeggiata romantica, a spingerla nel canale per mettere la parola fine a quel matrimonio e poter andare a vivere con l'amante. Il suo piano venne però scoperto nel giro di tre settimane. Nell'ottobre 2009, con rito abbreviato, l'uomo venne condannato a dieci anni di reclusione per tentato omicidio. Sentenza poi confermata in appello e passata in giudicato. Da quel momento la condotta all'interno del carcere sarebbe stata esemplare, tanto da consentirgli di ottenere la semilibertà non appena i termini di legge gliel'hanno permesso.