Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, l'uomo, recidivo, era stato trovato dai carabinieri con la merce

FALSE GRIFFE, AMBULANTE SENEGALESE A PROCESSO

Un 35enne, residente a Crespano, deve rispondere di ricettazione


TREVISO - Nel settembre del 2012 era stato pizzicato dai carabinieri in possesso di vari capi d'abbigliamento contraffatti con marchi prestigiosi come Moncler, Tommy Hilfinger, Gucci, Tods e altri. Per questo motivo un senegalese di 36 anni, residente a Crespano, finirà a giudizio per ricettazione e introduzione nel Paese di marchi contraffatti. Lo straniero è difeso dall'avvocato Paola Miotti. Tra le parti lese nel procedimento figurano tutte le prestigiose griffe che comparivano sui capi d'abbigliamento posti sotto sequestro.