Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Scarcerato un 42enne di Piove di Sacco arrestato dai carabinieri per furto

"NON SONO UN LADRO, ERO SOLO APPARTATO CON UNA RAGAZZA"

Con due complici avrebbe colpito un'abitazione di Motta di Livenza


MOTTA DI LIVENZA – (gp) “Non sono un ladro, mi sono soltanto trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato”. Queste le dichiarazioni rese in aula da G.C., il 42enne di Piove di Sacco arrestato sabato pomeriggio dai carabinieri di Motta di Livenza perchè considerato uno dei tre malviventi che poco prima avevano rubato alcuni giubbotti da un'abitazione a due passi dal centro del paese. A chiamare il 112 erano stati alcuni vicini di casa della vittima i quali, sentendo l'allarme suonare, si erano affacciati notando tre persone fuggire, due in una direzione, la terza in un'altra. La stessa in cui i militari hanno trovato pochi minuti più tardi il 42enne. Scattato l'arresto, l'uomo però ha sempre negato tutto. Circostanza ribadita in aula anche dal suo legale, l'avvocato Pretty Gorza, che ha ottenuto un rinvio del processo per direttissima chiedendo un termine a difesa. La versione resa dall'imputato è stata ritenuta dal giudice quanto meno plausibile, tanto da portare all'immediata scarcerazione e alla disposizione dell'obbligo di firma giornaliero a Piove di Sacco. L'uomo ha infatti raccontato al giudice di essersi trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato. Giunto dal padovano per incontrarsi con una ragazza, si era appartato con lei in auto. Dopo un piccolo litigio, la donna lo ha fatto scendere dalla vettura abbandonandolo in strada. Nel punto in cui è stato trovato dai militari e dove, secondo i vicini che hanno lanciato l'allarme, si era diretto uno dei malviventi. Potrebbe trattarsi insomma di uno scambio di persona anche perchè i carabinieri non gli hanno trovato addosso né refurtiva né attrezzi da scasso.