Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra gli albanesi Eni Koliqi, Muharrem Tafa, Albert Sata e Amarildo Loku

DUE ANNI DI RECLUSIONE PER I QUATTRO DELLA BANDA DEI FURTI

Vennero bloccati a Preganziol con oro, 4 mila euro e 2 mila dollari


PREGANZIOL – (gp) Due anni di reclusione (con sospensione condizionale della pena) e 600 euro di multa ciascuno. Questa l'entità del patteggiamento concesso ai

quattro imputati albanesi finiti sotto accusa perchè ritenuti parte di una banda dedita ai furti in casa. Un mese fa il gup Umberto Donà, nonostante il parere favorevole del pm Iuri De Biasi, aveva rigettato la medesima richiesta di patteggiamento ritenuta troppo lieve rispetto alla gravità dei fatti contestati. Il collegio del tribunale di Treviso ha invece deciso di accogliere le richieste degli avvocati Stefania Bertoldi e Fabio Busnardo, con il benestare del pubblico ministero. Alla sbarra c'erano Eni Koliqi, 23 anni, Muharrem Tafa, 24 anni, Albert Sata, 29 anni, e Amarildo Loku, 24 anni. Con loro, il 21 luglio scorso a Preganziol, venne arrestata anche Lisa Crescentini, 27 anni, ma la sua posizione era stata archiviata già in fase d'indagine. I cinque erano stati intercettati a bordo di un'alfa 147 di colore grigio: all'interno gli agenti delle volanti della polizia avevano trovato oltre a diversi arnesi da scasso, anche 4 mila euro e 2 mila dollari in contanti, monili in oro, argenteria per un peso complessivo di 35 kg e vari preziosi di rilevante valore come anelli in oro e con brillanti. A tradirli era stata una loro incertezza: lungo il Terraglio, alla vista della volante, l'Alfa 147 aveva cercato di invertire la marcia e scappare. Una manovra repentina che aveva insospettito gli agenti e che diede vita a un breve inseguimento.