Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

LE PREVISIONI Fino al weekend meteo all'insegna dell'alternanza

BREVE ARMISTIZIO: DA MERCOLEDI' SERA NUOVE PRECIPITAZIONI

Fronti atlantici porteranno ancora piogge, ma meno intense


TREVISO - Il maltempo concede un armistizio, anche se non si può certo parlare di un ritorno al bel tempo. Da oggi pomeriggio è atteso un diradamento delle piogge, anche se nella fascia orientale della provincia (così come in quella del Veneziano e del Bellunese) continueranno i rovesci. Le precipitazioni continueranno anche nella giornata di mercoledì e almeno per altri due o tre giorni, anche se in modo meno intenso e diffuso dei giorni scorsi: tutto il Triveneto, infatti, continua ad essere interessato da correnti umide e miti provenienti dall'Atlantico. A differenza di quanto avvenuto finora, però, questi flussi non troveranno l'opposizione di un nucleo anticiclonico sull'Europa Orientale, che negli ultimi giorni li ha di fatto bloccati sopra la nostra regione. Con la strada “libera” i fronti nuvolosi ora sono destinati a transitare in modo più rapido sul nostro territorio: ciò determinerà una maggiore alternanza di acquazzoni e fasi asciutte, anche con qualche possibile schiarita. Il cielo rimarrà comunque piuttosto coperto e la probabilità di piogge sarà alta soprattutto dalla serata di mercoledì fino alla mattina del giorno successivo. Un leggero calo delle temperature, specie in montagna, favorirà un abbassamento della quota della neva tra i 600 e i 1000 metri. Le precipitazioni, comunque, continueranno a mantenere elevatissimi i livelli della falda, rendendo difficile l'assorbimento dei ristagni accumulatisi sui campi: dal 31 gennaio scorso, del resto, su Veneto e Friuli sono caduti, in media, 300 millimetri di pioggia. In montagna si incrementerà ancora il già copioso manto nevoso.