Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Muraro: "Un campo di battaglia, danni per 500mila euro"

FRANE E ALLAGAMENTI, STRADE KO IN MEZZA MARCA

Voragine a Follina, cedimenti a Fregona, Asolo, sul Montello


TREVISO - A fare le spese di allagamenti e smottamenti dovuti al maltempo di questi giorni, è soprattutto il sistema viario della Marca. “Un campo di battaglia”, lo definisce il presidente della Provincia, Leonardo Muraro: numerose le strade interrotte o dove si circola su una sola corsia a causa di voragini aperte nella carreggiata o di terra finita sull'asfalto. E' stata riaperta la la provinciale 1 “Mostaccin” in comune di Maser: il cedimento delle scarpate a monte e il crollo di una porzione di due edifici fatiscenti lungo la carreggiata, con caduta di materiale, in strada avevano obbligato ad una temporanea interruzione.

Si circola a senso unico alternato sulla sp 151 “Pedemontana del Cansiglio”, in località Borgo Luca, in comune di Fregona, a causa del cedimento di circa 15 metri di muro di controripa. Stessa misura è stata adottata sulla provinciale 101 “Asolana”, in comune di Asolo: qui è crollato un tratto di 25 metri di muro di sostegno con conseguente cedimento della corsia stradale.

Il crollo di un muro di sostegno a valle, lungo la provinciale 152 “dei Colli Settentrionali” al confine tra Follina e Cison di Valmarino, ha generato una voragine sulla carreggiata. La strada è attualmente chiusa, per consentire gli interventi di pulizia e per valutare la stabilità e quindi la sicurezza dei muri di sostegno adiacenti. Alcuni chilometri più avanti, lungo lo stesso asse, in comune di Follina, è franata la scarpata a monte, ma non è stata intaccato la strada. A S. Pietro di Feletto, sulla sp 130 “Felettana”, si è digregato un muro di sostegno a valle della provinciale 130 Felettana: il materiale è caduto su un appezzamento privato. Sono in corso verifiche. Sulla “Dorsale del Montello”, in comune di Montebelluna, ha ceduto un'ampia porzione della banchina e del fosso stradale. Altri smottamenti sono segnalati lungo le strade 86, 36, 37, 151, con riversamento di materiale sulla sede stradale o con formazione di cedimenti o avvallamenti, per ora di entità modesta e prontamente presegnalati

Altri problemi sulla rete viaria sono causati dagli allagamenti: chiusi per questa ragione alcuni tratti della 163 “di San Stino”, tra la provinciale 53 e il canale sul Brian. Temporanea chiusura anche sulla provinciale 34 “Sinistra Piave”, in comune di Ponte di Piave, a causa del ristagno di acqua nel sottopasso.

“Mi appello al Governo e a Letta perché sblocchi il patto di stabilità, altrimenti non so proprio dove troveremo i 500mila euro per risolvere solo le urgenze del territorio a causa del maltempo”, conclude il presidente Muraro.