Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Era accusato del mancato versamento dell'imposta per 160 mila euro

NON PAGA L'IVA PER EVITARE DI LICENZIARE: NOTAIO CONDANNATO

Cinque mesi di reclusione convertiti in una multa da 37.500 euro


VITTORIO VENETO – (gp) A processo per mancato versamento dell'Iva per 160 mila euro in due anni perchè, a causa della crisi e del crollo verticale dei rogiti (e dunque dei ricavi dello studio), aveva preferito non licenziare nessuno e pagare gli stipendi. Una condotta ritenuta comunque illecita e che è costata al notaio di Vittorio Veneto Roberto Blandaleone una condanna a cinque mesi di reclusione, pena detentiva convertita in pecuniaria per una multa di 37.500 euro. Il professionista, difeso dall'avvocato Roberto Campion, si era opposto da un decreto penale di condanna di 22.500 euro. Secondo quanto contestato dalla Procura di Treviso, il notaio tra il 2008 e il 2009 non avrebbe pagato l'Iva entro i termini stabiliti dalla legge. Due erano stati i fascicoli penali aperti dalla procura, che sono poi stati riuniti. Come sottolineato dal suo avvocato, Blandaleone ha già avviato un accordo con l'Agenzia delle entrate per rientrare del debito e sta saldando regolarmente a rate l'Iva non pagata. Gli uffici, che si trovavano in viale Della Vittoria, erano stati chiusi prima dell'estate 2013. Il notaio era vicino all'età della pensione, ma avrebbe potuto esercitare ancora per un anno. La crisi economica però aveva ha ridotto i rogiti e quindi il fatturato. Negli anni scorsi il commercialista gli aveva suggerito di licenziare una parte del personale, ma non era stato ascoltato: Blandaleone non voleva infatti privarsi di persone che da anni lavoravano con lui.