Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, ladro-scommettitore aveva giocato il denaro sul portale di Snai

RUBATI 1300 EURO DALLA POSTEPAY: RISARCITA

Donna 50enne si rivolge al giudice di pace che condanna Poste Italiane


TREVISO - Dalla sua carta di credito Postepay erano spariti 1300 euro che un ignoto, dopo essere riuscito ad avere i codici, aveva giocato sul portale per scommesse sportive di Snai. L'episodio, avvenuto nel 2011 e denunciato ai carabinieri, aveva avuto come vittima una donna 50enne di Treviso. Per riuscire a farsi rimborsare quel denaro da Poste Italiane è cominciata per lei una lunga trafila durata oltre due anni con numerose richieste di rimborso, quasi tutte rigettate. Motivo? La cliente, recitavano grosso modo così le missive di replica pervenute alla donna, non avrebbe prestato sufficiente attenzione nell'utilizzo della carta di credito. La trevigiana però non si è arresa e si è rivolta alla giustizia civile, assistita dall'avvocato Gioia Barbato. Qualche giorno fa l'esito positivo per la 50enne. Il giudice di pace del tribunale di Treviso ha costretto Poste Italiane a risarcire alla trevigiana la somma che era stata indebitamente sottratta (1300 euro, spariti in più tranche) e al pagamento delle spese legali.