Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Giudizio immediato per i due catanesi Fabio Pappalardo e Mario Di Nunzio

COLPO ALLE POSTE DI LOVADINA: PROCESSO LAMPO PER LA RAPINA

Entrambi chiederanno il rito abbreviato: sconto di un terzo della pena


SPRESIANO – (gp) Processo lampo per la rapina all'ufficio postale di Lovadina di Spresiano. La Procura di Treviso ha infatti firmato il decreto di giudizio immediato per Fabio Pappalardo e Mario di Nunzio, i due catanesi di 31 e 47 anni arrestati meno di 24 ore dopo il colpo datato 17 gennaio. I due imputati, difesi dall'avvocato Alessandra Nava, opteranno per essere giudicati con rito abbreviato, in modo da usufruire dello sconto di un terzo della pena. Un'ulteriore contenimento dell'entità della condanna deriverà dal loro comportamento processuale: comparsi di fronte al gip Angelo Mascolo per l'interrogatorio di convalida del fermo, entrambi avevano ammesso tutto dicendo di aver deciso di mettere a segno il colpo perchè disoccupati e a corto di denaro. Una rapina figlia della crisi insomma, che non comunque non li esenta da colpe. Armati di una scacciacani e una pistola giocattolo, i due erano riusciti a farsi consegnare da una dipendente 15 mila euro. Fuggiti in bicicletta, avevano poi fatto perdere le loro tracce. Grazie alle testimonianze di alcuni cittadini di Spresiano, i carabinieri li avevano arrestati il giorno successivo in un'abitazione di via Leopardi a Visnadello. Abitavano lì da un paio di giorni, nella casa del figlio 29enne di Di Nunzio, che risulta formalmente indagato per favoreggiamento. All'interno dell'abitazione i militari avevano recuperato sia la scacciacani che la pistola giocattolo, oltre ai berretti e ai due ponchi (uno giallo ed uno blu) con cui si erano travisati. I militari avevano anche recuperato quasi 7 mila euro dei 15 mila rubati.