Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

ASCOLTA AUDIO In oltre 500 dalla Marca, per la mobilitazione del 18 febbraio

LA PROTESTA DELLE PICCOLE IMPRESE SCENDE A ROMA

"Rappresentiamo il 97% delle aziende, tenuta sociale a rischio"


TREVISO - Le piccole imprese della Marca sono pronte a marciare su Roma. Oltre mezzo migliaio di imprenditori trevigiani dell'artigianato e del commercio il prossimo 18 febbraio scenderanno nella capitale, per partecipare, insieme a colleghi di tutta la penisola, alla manifestazione nazionale indetta da Rete Imprese Italia, il gruppo che riunisce Confartigianato, Cna, Casartigiani, Confcommercio e Confesercenti. Sarà la prima volta, spiegano i rappresentanti provinciali delle associazioni imprenditoriali, che tutto il mondo delle piccole aziende dà vita insieme ad un'iniziativa di protesta. La prima istanza è rimettere al centro della strategia del paese la piccola impresa, spesso trascurata a favore della grande industria, nonostante costituisca l'ossatura del sistema produttivo. Solo nella provincia di Treviso, le ditte fino a venti dipendenti rappresentino il 97% delle aziende attive e quasi il 60% degli occupati totali.

Numerose le questioni sul piatto: dalla riduzione della tasse allo snellimento della burocrazia, dalle riforme amministrative al pagamento dei debiti della Pubblica amministrazione, al taglio del cuneo fiscale, all'accesso al credito. Le categorie chiedono anche un allentamento dei vincoli finanziari e del patto di stabilità europeo, perchè le amministrazioni locali e nazionale possano tornare ad investire. E soprattutto un taglio del cuneo fiscale: “Occorre un spostamento di risorse dal pubblico al privato per far ripartire la domanda interna”, ribadiscono. I mancati provvedimenti rischiano di avere conseguenze non solo sul piano economico, ma anche su quello della tenuta sociale.

Le richieste sono tutt'altro che nuove, ma ora, avvertono i responsabili, non è più possibile attendere. Se gli appelli non troveranno risposta a breve, le organizzazioni imprenditoriali sono pronte a invitare i soci a non votare i partiti che non hanno mantenute le promesse.


Galleria fotograficaGalleria fotografica