Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannato il 26enne romeno accusato di aver messo a segno una ventina di colpi

PINZA METALLICA NEI BANCOMAT: VENTIDUE MESI PER MARIUS DOBRE

L'aggeggio tratteneva i soldi dei clienti e lui passava a riscuotere


ISTRANA – (gp) Un anno e dieci mesi di reclusione. Questa la condanna inflitta con rito abbreviato a Marius Dobre, romeno di 26 anni finito alla sbarra per rispondere di una ventina di furti e manomissioni agli sportelli bancomat della castellana. Difeso dall'avvocato Fabio Crea, l'imputato dopo aver risarcito le banche che a loro volta avevano risarcito i proprio clienti, se l'è cavata con una condanna di gran lunga inferiore rispetto ai 4 anni richiesti dal pm Gabriella Cama, titolare del fascicolo. Secondo l'accusa lo stratagemma usato era tanto ingegnoso quanto efficace. Assieme a un complice, rimasto ignoto, Dobre avrebbe utilizzato una forchetta metallica che, inserita nella bocchetta del bancomat, tratteneva le banconote in uscita dei clienti che si recavano a prelevare nei vari istituti di credito. A incastrarlo, oltre alle immagini delle telecamere di sicurezza, il fatto che l'operazione precedente a quelle incriminate corrispondesse sempre a una carta prepagata a lui intestata. Per la Procura l'imputato effettuava un regolare prelievo di 20 euro: appena si apriva l'erogatore, infilava l'aggeggio metallico costruito artigianalmente. Così quando il successivo cliente provava a prelevare, lo schermo indicava l'operazione compiuta, ma i soldi non uscivano. L'utente se ne andava pensando a un guasto e, mentre avvisava l'istituto di quanto accaduto, il 26enne passava a recuperare le banconote bloccate.