Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il presidente Muraro: "Il governo dia attenzione e sostegno ai questi territori"

MARENO DI PIAVE SOTT'ACQUA IN CAMPO ANCHE L'ESERCITO

Risalita della falda: i militari intervengono con sei motopompe


MARENO DI PIAVE - Anche l'esercito in campo per cercare di frenare gli allagamenti in corso a Mareno di Piave. La causa di sottopassi e scantinati sotto acqua, però, non sono gli straripamenti dei fiumi, bensì l'innalzamento delle falde, dopo le abbondanti piogge dei giorni scorsi. Nelle zone residenziali del comune del Coneglianese, insieme ai vigili del fuco, sono intervenuti anche i militari con sei motopompe.

Sul posto anche il presidente della Provincia, Leonardo Muraro, che ha ribadito la necessità che "il governo presti attenzione e sostegno ai territori colpiti". Il leader dell'amministrazione provinciale ha ricordato come “solo nel mese di gennaio di quest’anno sono caduti nel Veneto mediamente 269 ml di acqua, il 398% in più rispetto alla media calcolata dal 1999 al 2013 (54 ml). Quindi, le piogge di questi giorni hanno caricato in modo abnorme la portata della falda, arrivando quindi a invadere d’acqua gli scantinati e i piani interrati di industrie, edifici artigianali e case". Tra i centri dove maggiormente si registra il fenomeno, oltre a Mareno, Villorba, Maserada sul Piave, Cimadolmo, Vazzola e San Vendemiano.