Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La memoria cinematografica del lavoro in una rassegna dedicata ad Andrea Zanzotto

LUOGHI, PERSONE, MESTIERI RACCONTATI NEGLI SPAZI BOMBEN

Questa sera alle 20.30 Pour la suite du monde (Per quelli che verranno)


TREVISO - Torna negli spazi di Fondazione Benetton Studi Ricerche la rassegna cinematografica "Paeaggi che cambiano" ciclo di incontri dedicato alle modificazioni che l'uomo genera nei territori in cui vive. Dopo aver trattato una parte documentale in questa seconda edizione si parlerà dell'intreccio tra lavoro, uomo e luogo. Attraverso il lavoro – le tecniche e gli strumenti – l’uomo ha da sempre cambiato il mondo, fino a rendere l’ambiente simile a sé (forse un po’ troppo?), ma la pratica e la memoria del lavoro non hanno trovato nel cinema di fiction, narrativo o spettacolare, una grande attenzione, quasi che la funzione del divertimento sia “esclusiva”, debba cioè escludere il mondo della creazione-produzione e della fatica quotidiana, per privilegiare un mondo fantastico, parallelo a quello reale.

Il proposito ambizioso dei cinque titoli della seconda parte della rassegna è quello di selezionare alcuni film nei quali il lavoro come creazione individuale e/o fatica collettiva è il motore delle storie: si tratta di poche opere particolarmente significative, colte in un vasto arco temporale, che diventano obiettiva (e talora inesauribile) fonte di dibattito, ma possono anche innescare una scelta ulteriore, suggerire una personale continuazione da parte dello spettatore.

 

Nel corso del Ventesimo secolo la classe operaia è stata spesso protagonista della storia attraverso lotte e sconfitte e rivoluzioni, per arrivare di recente, nell’epoca post-industriale, a una sua apparente scomparsa (almeno nel mondo occidentale); di queste alterne vicende testimoniano alcune incursioni del cinema nell’universo del lavoro, che costituiscono una specie di incontro tra l’ordinario e il meraviglioso, già dagli estremi di Metropolis (1927) di Fritz Lang e di Tempi moderni (1936) di Charlie Chaplin, cioè dalla rivolta dell’operaio-massa allo sberleffo del vagabondo che entra, letteralmente, nella catena di montaggio.

 

“Perché il mondo continui” è la traduzione del titolo d’apertura, il franco-canadese (del Quebec) Pour la suite du monde (1963): si tratta, emblematicamente, di un piccolo mondo, di una comunità che vive in un’isola fluviale e che, attraverso il cinema etnografico di Brault e Perrault, recupera la memoria di un lavoro, di una tecnica di pesca abbandonata. La visione del film, costruito e spontaneo insieme, equivale a una lezione dal vivo sulla tradizione, sulla sua importanza, ma anche sulla sua morte, spesso inevitabile, e sulla sua, talora prodigiosa, resurrezione (LM).

 

 

mercoledì 12 febbraio 2014 ore 20.30

Pour la suite du monde (Per quelli che verranno)

regia di Pierre Perrault e Michel Brault (durata 105’, 1963, Canada)

serata inaugurale con il patrocinio della “Délégation du Québec à Rome”

presentano il film Antonio Costa, docente di Storia del cinema all’Università IUAV di Venezia e Luciano Morbiato, curatore del programma della rassegna.

 

mercoledì 26 febbraio 2014 ore 21

Le ricamatrici

regia di Eléonore Faucher (durata 89’, 2004, Francia) 

 

mercoledì 12 marzo 2014 ore 21

Tempi moderni

di Charlie Chaplin (durata 89’, 1936, USA)

 

mercoledì 26 marzo 2014, ore 21

La classe operaia va in paradiso

regia di Elio Petri (durata 125’, 1972, Italia)

 

mercoledì 9 aprile 2014, ore 21 

La stella che non c’è

regia di Gianni Amelio (durata 104’, 2006, Italia e coproduzione)