Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Identificato un complice, ora irreperibile, su cui pende un mandato di cattura

SALA SLOT RAPINATA A VILLORBA: IN MANETTE UNO DEI TRE MALVIVENTI

A incastrarli una telefonata alla fidanzata, che poi ha confessato


VILLORBA – (gp) Il 3 settembre scorso, armati di pistola e col volto travisato da passamontagna, avevano rapinato un addetto alla riscossione dei proventi delle slot machine all'esterno di una sala giochi di Villorba. Ora due dei tre rapinatori hanno un volto e un nome: si tratta di due cittadini albanesi, Erion Duckallari ed E.S. Il primo è stato arrestato dai carabinieri a Vicenza dove si terrà anche l'interrogatorio di convalida per rogatoria, il secondo invece risulta irreperibile ma su di lui pende un mandato di cattura. Stando alle indagini, i due (assieme a un complice rimasto ignoto) avrebbero puntato la pistola alla tempia della vittima, l'avrebbero fatta inginocchiare sotto la minaccia di morte, e le avrebbero sottratto i due borsoni pieni di monete da uno e due euro per un totale di 10 mila euro di bottino. A colpo effettuato, i tre sono fuggiti senza lasciare traccia. Ma una leggerezza li ha incastrati: in uno dei borsoni c'era anche l'I-phone 5 della vittima che è stato utilizzato da uno dei due rapinatori per chiamare la sua ragazza. Chiamata che è stata rintracciata dagli inquirenti che sono andati a far visita alla donnala quale, messa sotto torchio, ha in pratica incastrato il suo ragazzo e uno dei due complici.