Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

San Biagio, sentenza nel 2006 ma l'ex moglie e l'uomo risultavano ancora sposati

DIVORZIO NON REGISTRATO DAL TRIBUNALE: SALTA IL FUNERALE

Renato Pellin, 55enne, è stato trovato morto venerdì scorso


SAN BIAGIO - Per la mancata registrazione di un documento che attesta il divorzio, pratica attesa ma mai eseguita per otto lunghi anni dal tribunale di Treviso, il funerale non s'ha da fare, almeno per ora. Ci vorranno almeno dieci giorni, se non di più per poter dare l'ultimo saluto ad un 55enne di San Biagio, Renato Pellin. L'uomo, ex operaio, è morto a causa di un malore venerdì scorso, all'interno della sua abitazione in via De Gasperi a Spercenigo. Oltre al dolore per la tragedia i due figli e l'ex moglie, da qualche anno residenti in provincia di Udine, si trovano ora di fronte ad un ostacolo burocratico che ha del surreale. Pellin e l'ex moglie, Laura Pietrobon, dopo il matrimonio contratto nel 1988 a Monastier avevano in seguito divorziato, nel 2006. La sentenza, seppur emessa, non è stata mai registrata e quindi non trasmessa ai Comuni di residenza degli ex coniugi. A porre il caso a moglie e figli di Renato Pellin (completamente all'oscuro del fatto che la sentenza di divorzio non fosse mai stata registrata) è stata in questo caso proprio l'amministrazione comunale di San Biagio di Callalta. I famigliari di Pellin hanno intimato alla cancelleria del tribunale di Treviso a velocizzare l'iter ma la risposta è stata sconfortante: ci vorranno almeno dieci giorni per sbrigare le pratiche. “Ci hanno detto che è colpa nostra”: dice la figlia, Elisa Pellin. Impossibile del resto bypassare l'intricato nodo burocratico. Serve una firma per la celebrazione dei funerali ma attualmente se a metterla fosse l'ex moglie o i figli (ed in caso di divorzio dal coniuge toccherebbe proprio a loro) commetterebbero un falso. E nel frattempo la salma resta “parcheggiata” presso l'obitorio di Treviso, in attesa della sepoltura.