Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dirigente delle Latterie, lo affiancherÓ come vice Mauro Bordin

PAOLO CAVASIN NUOVO PRESIDENTE DEL CREDITO TREVIGIANO

Le nomine decise dal cda dopo il terremoto dimissioni


VEDELAGO - Paolo Cavasin è il nuovo presidente del Credito Trevigiano. Lo ha nominato il consiglio di amministrazione della bcc di Vedelago, dopo le dimissioni dell'ex numero uno Nicola Di Santo e del vice Carlo Zacco e di altri due consiglieri. Lo affiancherà come vicepresidente Mauro Bordin, dirigente d’azienda e da poche settimane amministratore della banca. Bordin assume questo incarico dopo le dimissioni di Roberto Dussin, il quale rimane in cda come consigliere. Cavasin, 49 anni, di Vedelago, è dirigente d’azienda del Gruppo Latterie Venete e consigliere del Credito Trevigiano dal 2001.

“Siamo sereni e lavoriamo con impegno e senso di responsabilità - ha dichiarato il neo eletto presidente - perché la banca continui a fare il suo lavoro al meglio, in un rapporto di relazione e di fiducia con soci, dipendenti, clienti e territorio, che sono le risorse più preziose per una banca locale di credito cooperativo come la nostra". Cavasin ha anche annunciato che gli attuali componenti del consiglio "hanno manifestato piena disponibilità a continuare il loro mandato, per traghettare la banca alla prossima assemblea ordinaria dei soci" e che nel giro di qualche giorno si procederà anche alla cooptazione, tra i soci, dei quattro consiglieri dimessisi.

Il presidente ha voluto anche rassicurare soci e clienti dopo il passivo di 8,1 milioni registrato nella precedente semestrale e le voci di difficoltà dell'istituto: "Il Credito Trevigiano continuerà ad essere punto di riferimento per il suo territorio. Possiede un ottimo coefficiente di capitale complessivo, che al 30 settembre si attesta al 14,68%, con un Tier 1 al 14,64%. Il patrimonio di base sfiora i 139 milioni di euro. Positivi gli indicatori di liquidità sia a breve che a medio termine. Questi dati misurano la solidità della banca, che si attesta su valori ben al di sopra della media del sistema".