Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'appello lanciato dai carabinieri: "Costituisciti, è solo questione di tempo"

IL PIRATA GUIDAVA UNA GRANDE PUNTO E VIVE NEL VITTORIESE

Caccia all'automobilista che ha ha ucciso Costantin Milosteanu


VITTORIO VENETO - Proseguono le indagini dei carabinieri sul pirata che ha travolto e ucciso Costantin Milosteanu, imprenditore 44enne di origini romene. La tragedia si è consumata domenica sera poco dopo le 18.20 lungo via Grazioli a Vittorio Veneto. Lo straniero era uscito da casa, a piedi, per andare a comprare le sigarette: improvvisamente un'auto lo ha falciato lasciandolo esanime sull'asfalto. L'automobilista è poi fuggito senza prestare soccorso al 44enne. Grazie ai frammenti di vetro del fanale anteriore della vettura, recuperati sul posto dai carabinieri, e su cui erano presenti i codici seriali del mezzo i militari sono risaliti al modello dell'auto del pirata. Si tratta di una Fiat Grande Punto. Si tratterebbe, ipotizzano gli investigatori, di un residente della zona: il mezzo, testimoniano le telecamere, era diretto verso il centro di Vittorio Veneto. “E’ opportuno far presente -si legge in un comunicato emesso dal comandante dei carabinieri di Vittorio Veneto, Giancarlo Carraro- il contenuto dell’art.189 del C.d.S. (comportamento in caso di incidente) ove recita che “chiunque non ottempera all’obbligo di fermarsi è punito” infatti con la fuga volontaria (e quindi diventa dolo e non più colpa) oltre all’agente che ha causato l’evento rispondono in solido anche tutti coloro che a vario titolo erano a bordo dell’autovettura in questione. Tutto questo sta a significare che il responsabile dell’evento criminoso deve assolutamente capire che è solo questione di tempo e l’unica possibilità che gli rimane è quella di presentarsi volontariamente presso questi Uffici per chiarire la dinamica dell’evento che lo vede protagonista. L’invito all’opinione pubblica è che se qualche testimone oculare dell’evento o persona che a vario titolo può aver visto il veicolo prima o dopo l’incidente, o vedesse in giro nei prossimi giorni detto mezzo incidentato sulla parte anteriore dx (es. vicino di casa, conoscente, amico, ecc…), di comunicarlo (anche in forma anonima) a questo Comando”.