Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, blitz di sedicenti attivisti di Al Qaida, indaga la Digos della Questura

IL SITO WEB DELLA "COLETTI" ATTACCATO DAGLI HACKER

L'istituto visitato da Renzi nel mirino per i corsi di lingue arabe


TREVISO - Il sito web delle scuole medie "Coletti" di Santa Bona, istituto visitato in mattinata dal premier Matteo Renzi, nel mirino degli hacker che avrebbero mandato ko il portale. L'incursione, firmata da sedicenti attivisti vicini ad Al Qaida, sarebbe avvenuta qualche settimana fa e a provocarla sarebbe stata la creazione di corsi di arabo presso l'istituto scolastico. A rivelare questo episodio è stato stamani il preside delle Coletti, Gianni Maddalon. Sul blitz degli hacker indagano ora gli investigatori della Digos della Questura di Treviso.