Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Daniele Astero, 26 anni di Istrana, è accusato di omissione di soccorso

MORTE DI DAMIANO PONTIN: LA PERIZIA SCAGIONA L'IMPUTATO

Quandò lasciò l'amico in auto, la vittima non era già in fase preagonica


ISTRANA – (gp) A quasi quattro anni dai fatti, un colpo di scena indirizza il processo a carico di Daniele Astero verso l'assoluzione. O almeno questa sembra l'ipotesi più probabile visti i risultati della super perizia eseguita dal medico legale Carlo Moreschi: la fase preagonica di Damiano Pontin è stata spostata in avanti nel tempo e quindi l'imputato, finito alla sbarra per omissione di soccorso, ha lasciato la vittima quando ancora non mostrava i sintomi dell'edema polmonare che lo ha ucciso. Esiti che sposano la linea difensiva dell'avvocato Stafania Bertoldi e che contrastano nettamente con quanto sostenuto dall'accusa fino a questo momento. Era il 23 marzo 2010 quando Damiano Pontin, 31enne di Sala d'Istrana, venne trovato senza vita nella sua auto dalla madre. Il procedimento penale si è sviluppato nel corso degli anni attraverso una guerra di perizie di parte. Il dottor Moreschi doveva stabilire se c'è stato nesso di causalità tra la condotta di Daniele Astero, il 26enne amico del ragazzo deceduto che per paura lo avrebbe abbandonato in auto agonizzante, e il decesso della vittima. Per l'accusa Damiano Pontin poteva essere salvato se fosse stato soccorso per tempo, per la difesa invece nulla si sarebbe potuto fare per strappare il giovane alla morte. La perizia superpartes però ha stabilito che Damiano Pontin è entrato in stato preagonico dopo che l'amico lo ha salutato. Esiti che in pratica lo scagionerebbero da ogni accusa.