Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Venerdì 28 Artuso e Pennacchi nel reading di "Libera nos a Malo" di Meneghello

GLI SGUARDI AL NORD EST, TRA IERI E OGGI, AL TEATRO DEL PANE

Sabato 1 marzo North Beast, di e con Barbiero e Tizianel


VILLORBA - (ag) Inizia con le suggestioni dalla grande opera di Luigi Meneghello “Libera nos a Malo”, il fine settimana del Teatro del Pane.

Venerdì 28 febbraio, Mirko Artuso e Andrea Pennacchi prestano la voce ad alcune delle pagine tra le più belle della letteratura italiana. Tra letture, monologhi e dialoghi, i due attori teatrali ripropongono una rilettura del primo romanzo dell'intellettuale e partigiano vicentino che sceglie la cifra dell'ironia per descrivere la Provincia italiana, e in particolare il nostro nord est negli anni che hanno portato al boom economico e alla trasformazione da società contadina a terra industriale. Artuso e Pennacchi alterneranno brani letti e brani recitati, utilizzando l’ampio repertorio letterario dell’autore vicentino, attingendo soprattutto “Libera nos a Malo”, la fulminante autobiografia d’esordio dell’autore vicentino, ma anche da “Pomo pero”, “Maredè maredè” e da “Fiori italiani”. Una vera e propria lezione sull’uso straordinario che si può fare della lingua veneta, del diaeto, e dei suoi molteplici colori, da parte di un autore che ha contribuito a nobilitarlo rinnovandolo.

 

Sabato 1 marzo torna a calcare il palco del Teatro Silvio Barbiero, che dopo il grande successo riscosso il 14 febbraio (con “Groppi d’amore sulla Scuraglia”) porta “North B-Eeast”, scritto e interpretato in compagnia di Marco Tizianel, che ha composto anche le musiche originali.

Un appuntamento con il teatro civile che ci tocca da vicino. Uno spettacolo sull’amore e al contempo un testo di spietata denuncia sociale condito da dissacrante ironia. North Beast è la storia di due persone molto diverse tra loro: uno studente universitario fuori corso, omosessuale, e un funzionario di banca, rampante e cinico. L'incontro di notte, per strada, lungo uno dei tanti viali votati alla droga e alla prostituzione in un dedalo di capannoni, traffico, caselli autostradali, suv, ecstasy e persone. I due protagonisti si lambiscono più volte nell’arco della medesima giornata, e ognuno di loro racconta il Nord Est dal proprio personalissimo punto di vista, cambiando sensazioni e opinioni a seconda del vento e delle strade, facendo emergere dalla nebbia il cuore pulsante di un amore più vero di quello che leggiamo sulla superficie.

 

Domenica 2 marzo chiude il weekend del Teatro del Pane il concerto di Terje Nordgarden, musicista norvegese, amatissimo in patria, in Olanda e in Germania, che torna in Italia per presentare la sua dichiarazione d’amore nei confronti della musica contemporanea del nostro Paese. “Dieci” è, infatti, il suo ultimo album da studio e il numero di brani di altrettanti cantautori itaiani, da Cristina Donà a Marco Iacampo, da Marta sui Tubi a Paolo Benvegnù, che egli ama e con cui ha collaborato nelle sue instancabili peregrinazioni. Dieci anni fa, chitarra in spalla e un amore senza limiti per i grandi del folk americano, Terje Nordgarden arrivava in Italia, dapprima suonando come busker a Bologna e pian piano cominciando a collaborare con alcuni dei più importanti autori e musicisti della scena indipendente italiana. Quanto assorbito in questi anni viene restituito in un album che segue le traiettorie sonore che hanno contraddistinto il viaggio musicale di Nordgarden, tra folk, rock e jazz, senza dimenticare un’indole pop nobile ma verace, da autentico crooner di strada.

 

Orari e Prezzi:

Venerdì

Apertura porte ore 19:00,

Cena ore 20:00 (contributo 25,00 €)

Spettacolo 21:30 (contributo 10,00 €)

 

Sabato

Apertura porte ore 19:00,

Cena ore 20:00 (contributo 25,00 €)

Spettacolo 21:30 (contributo 10,00 €)

 

Domenica

Apertura porte ore 18:00.

Concerto ore 19.30 (contributo 3,00, €)

 

Ingresso riservato ai soci Arci









Galleria fotograficaGalleria fotografica