Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rinviato a giudizio un padre di famiglia residente alla periferia nord di Treviso

ABUSI SULLA FIGLIA DEI VICINI DI CASA: QUARANTENNE A PROCESSO

Vittima delle sua attenzioni una ragazzina di appena 11 anni


TREVISO – (gp) Violenza sessuale su minore. Questa la pesante accusa con cui è stato rinviato a giudizio un 40enne trevigiano, padre di famiglia. Vittima delle sue attenzioni sarebbe stata la figlia 11enne dei vicini di casa, che lo hanno denunciato facendo scattare l'inchiesta. Accusa ribadita dalla stessa ragazzina nel corso di un incidente probatorio. I fatti contestati risalgono all'inizio del 2013 e si sono consumati in un condominio alle porte di Treviso. La ragazzina, come spesso le capitava, sale dal secondo al terzo piano per incontrare e giocare con una coetanea, la figlia del presunto "orco". Suona il campanello e ad aprirle la porta è il padre dell’amichetta. Immediato l’abuso sessuale. L’uomo, difeso in aula dall'avvocato Elisa Berton, l’avrebbe stretta e baciata sulla bocca.
Ma non sarebbe l'unico episodio.
I genitori della piccola, con l'avvocato Giuseppe Pio Romano, hanno formalizzato la costituzione di parte civile con relativa richiesta di risarcimento danni: 100 mila euro. Nel corso dell’incidente probatorio la bambina, sentita in un luogo protetto, ha risposto alle domande del pm Sanzari, del giudice e dell’avvocato Berton. Non si trattò di un vero "confronto" ma un espediente voluto dalla Procura (che la difesa contesta) per cristallizzare gli elementi di prova raccolti dagli investigatori. Il 40enne, secondo l’accusa, avrebbe approfittato della familiarità con la piccola vittima per appartarsi con lei e dare sfogo ai propri istinti.