Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ieri mattina la presentazione dell'attività, si parte il 9 marzo con gli juniores

LA RINASCITA ORMELLE COMPIE 52 ANNI: STAGIONE AL VIA DOMENICA

Pietro Nardin: "Abbiamo l'entusiasmo e lo slancio di sempre"


ORMELLE  Un rito, quasi un gesto scaramantico che si perpetua negli anni. La Rinascita Ormelle da appuntamento alla palestra comunale dalle 10,45 di domenica per dare il via ufficiale alla 52^ stagione agonistica grigioverde. Nell’occasione verranno svelati organici e programmi della nuova annata che bussa ormai alle porte: il debutto degli Juniores è fissato per domenica 9 marzo. Confermate le due affiliazioni in Veneto - Borgo Molino-Rinasciata Ormelle con sede a Roncadelle (Treviso), presidente Pietro Nardin, vice Severino Cescen) e in Friuli Venezia Giulia (Rinascita Ormelle Friuli Banca Popolare di Cividale con sede a Cividale del Friuli (Udine), presidente Claudio Ruffoni, vice Manuela Spolverato) - l’attività 2014 verrà sviluppata in tre categorie giovanili: Juniores (10 corridori), Esordienti (6) e Giovanissimi (14 non definitivi).
Gli organici presentano due novità. Entrambe riguardano l’ambito tecnico. Il 2014 segna infatti il ritorno alla guida degli Juniores del tecnico Cristian Pavanello che ricomporrà l’accoppiata vincente con Dario Totolo.  Quindi l’attesa new entry in ammiraglia: Carmen Menegaldo, ex ciclogirls e tricolore 1974 su strada, seguirà gli Esordienti. I Giovanissimi saranno invece svezzati da Antonio Natale.
“Ripartiamo di slancio – argomenta il presidente Pietro Nardin, titolare dell’affermata azienda vitivinicola Borgo Molino che dallo scorso anno è al vertice del blasonato club trevigiano – con l’entusiasmo e l’ambizione che ha sempre accompagnato l’attività della Rinascita. La mia prima esperienza è stata molo positiva. E’ sempre gratificante vedere i ragazzi impegnarsi nello sport, ancor di più i mini-ciclisti. Se prima qualche domenica la dedicavo alle corse, dall’anno scorso la mia presenza nei campi di gara è diventata praticamente costante“
La scesa in campo, assieme a quella di suo fratello Paolo, lo scoro anno ha di fatto “salvato” la Rinascita dalla chiusura (nell’inverno 2012 le chiavi del club vennero consegnate al sindaco), patrimonio del ciclismo trevigiano e nazionale.
“Era quasi inevitabile in quel momento di difficoltà. Il nostro è un fatto di famiglia. Mio zio Pietro Nardin è stato uno dei soci fondatori nel 1962, oltre che il secondo presidente in carica dal 1963 al 1965. Quindi Graziano Nardin, cugino di mio papà ha guidato la Rinascita dal 1981 al 1984. E io sono sempre stato presente nel direttivo e vicino al club. Al momento di impegnarmi un prima persona ero vice presidente”.
Lei è il 17° presidente della Rinascita Ormelle.
“Con grande orgoglio porto avanti questo incarico. Il club è il simbolo del paese, di una comunità. Ha sempre rappresentato uno riferimento, uno stile, una filosofia. Ma soprattutto una grande famiglia”.
Quale messaggio vuole dare agli atleti
“A questi livelli l’impegno nello sport è prima di tutto sinonimo di divertimento. In cima a tutto c’è la scuola e i risultati non devono essere un imperativo. Tanto se uno ha le qualità, queste prima o poi emergono”.
Che stagione sarà quella che andrete a presentare domenica?
“A livello agonistico una sorta di rifondazione. Per scelta e seguendo la naturale crescita dei ragazzi, abbiamo rinunciato agli Allievi. Gli Juniores infatti si ritrovano con 7 elementi al 1° anno, tutti appena passati di categoria. A loro non chiediamo miracoli, ma solo una sana e redditizia crescita”.