Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Quinta sconfitta di fila per l'Umana ma Milano ha tremato per 20 minuti

LA REYER NON ╚ ANCORA DI MODA A MILANO, L'ARMANI LA BATTE 91-82

Alla distanza vincono i pi¨ forti: 20 per Linhart, 19 per Hackett


MILANO - Quinta sconfitta di fila per Venezia, decima vittoria consecutiva per Milano. Ma non è stata una partita scontata. Contro Venezia gli uomini di Banchi archiviano la pratica dopo aver sudato tantissimo, con 20′ di inseguimento. Per gli orogranata dell’ex Markovski, invece, il periodo negativo sembra non conoscere fine, anche se quest’oggi Vitali & co. meritano solo applausi per la personalità con cui hanno affrontato la trasferta milanese. Venezia parte molte forte e dopo 3′ si porta sul 4-10 sfruttando una difesa milanese piuttosto blanda (2/2 da 3 per Linhart). L’EA7 continua a sbagliare in attacco e la Reyer aumenta il suo vantaggio (10-21 dopo 6’30). Magro e Smith fanno la voce grossa a rimbalzo e Milano, nonostante una difesa più tonica, resta comunque molto lontana dagli orogranata: dopo 10′ è 16-28 per Venezia, che tira con oltre il 60% dal campo.

Altri 4 punti di Linhart guidano la Reyer fino al +13 (19-32 dopo 12), prima che Jerrells (sin qui il più sveglio dei suoi) e Samuels “riaccorcino” sul -8 (26-34 dopo 13′ e mezzo). Milano arriva a -6, ma ancora un implacabile Linhart (15 punti in 17 minuti) la ricaccia indietro. Hackett, impalpabile sin qui, torna sul parquet e si carica sulle spalle i suoi, piazzando un 9-0 tutto suo che riporta l’Olimpia a -2 (42-44 con 1’02″ da giocare). Punteggio che arriva poi sul 44-46 al termine del primo tempo.

Dopo 22′ e mezzo di gioco Milano trova il suo primo vantaggio, grazie ad una schiacciata di Gentile: una difesa più aggressiva, un Melli desto anche in attacco (schiacciata anche per lui) ed un Hackett da “garra” portano Milano, in un amen, a + 8 (63-55 al 26′). La Reyer è completamente bloccata e dopo 9 punti segnati in poco tempo, resta a digiuno per oltre 5′ e mezzo: è Peric dalla lunetta a smuovere quel 55. Il parziale della terza frazione è comunque di 26-14 per Milano, col punteggio che dice 70-60 dopo 30.

Ultimi 10′ che si aprono sulle ali dell’equilibrio: dopo 5′ il parziale dice 17-18 (punteggio 77-68 al 35′), con Venezia che non molla un colpo, ma con Milano brava a sfruttare la maggiore fisicità (soprattutto dopo l’uscita per 5 falli di Crosariol, al 33′). Il motore veneziano sale di giri in attacco, quello milanese invece cala sensibilmente e la Reyer si riporta a -4 (80-76 con 4′ da giocare) con 5 punti di fila di Rosselli. Venezia resta attaccata: a 1’30″ dalla fine è ancora +4 soltanto per l’Olimpia, ma ci pensa ancora Hackett a piazzare la tripla che, di fatto, chiude la partita. Finisce 91-82 per l’EA7 Emporio Armani Milano.

ARMANI Gentile 16, Cerella 9, Melli 7, Hackett 19, Kangur 4, Langford n.e., Samuels 14, Tourè n.e., Wallace 0, Lawal 8, Moss 6, Jerrells 8. Coach: Banchi.

UMANA: Peric 9, Giachetti 0, Rosselli 10, Linhart 20, Vitali 12, Taylor 8, Smith 4, Akele n.e., Magro 12, Johnson 4, Crosariol 3. Coach: Markovski.