Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 38enne di Vedelago, raggiunto da un'ordinanza di custodia cautelare, ammette

RAPINA AL FAMILA DI CAMPIGO: SEBASTIEN ERARIO CONFESSA

L'uomo è accusato anche di ricettazione: guidava un'auto rubata


VEDELAGO – (gp) Ha confessato tutto motivando le sue azioni dalla necessità di reperire denaro. In altre parole sarebbero stati dei problemi economici a spingere Sebatien Andrè Erario, 38enne di Vedelago, finito in manette per i reati di rapina e ricettazione. A incastrarlo sono stati l'ultimo colpo al Maxi Famila di Campigo e l'aver lasciato il motore dell'auto acceso: l'uomo è stato infatti notato da un carabiniere in borghese che si trovava nel parcheggio dell'esercizio commerciale. Il militare, che si era fermato a prendere un pacchetto di sigarette, per scrupolo aveva annotato su un foglietto il numero di targa non sapendo ancora che sarebbe stato determinante al fine delle indagini. Infatti poi Erario avrebbe messo a segno la rapina al supermarket puntando anche una pistola alla testa del titolare e riuscendo a prendere l'incasso della giornata. Da quel colpo sono partite le indagini che lo hanno incastrato. Secondo i carabinieri infatti Erario sarebbe anche il responsabile della rapina di un'auto a Morgano l'1 febbraio scorso: dopo averla tamponata, se ne sarebbe impossessato. Il 6 febbraio poi a Salvarosa avrebbe prima tentato di rapinare della borsetta una donna di 45 anni del posto e poi avrebbe consumato la quella di Campigo, centrando il colpo.