Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Accusato di lesioni colpose per i danni cerebrali riportati dal bambino alla nascita

CESAREO EFFETTUATO IN RITARDO: LA PERIZIA "SALVA" IL GINECOLOGO

I genitori del piccolo: "Una registrazione incastra il professionista"


TREVISO – (gp) La perizia affidata dal giudice al medico legale di Mestre Gianni Barbuti doveva stabilire se le condotte del dottor R.B., 52enne in servizio all'Ulss 9 di Treviso, siano state o meno responsabili dei danni cerebrali riportati da un bambino venuto al mondo al Ca' Foncello nel 2010. Il perito, che si è avvalso dell'aiuto di un altro consulente, ha esposto gli esiti degli accertamenti di fronte al giudice Marco Biagetti sostenendo che il bambino, avendo un difetto congenito alla laringe, anche se fatto nascere con taglio cesareo un'ora prima di quando è venuto al mondo, avrebbe riportato comunque dei danni per la mancata ossigenazione. In estrema sintesi insomma la perizia, che doveva avvalorare le ipotesi accusatorie, sembra aver giocato a favore della difesa. Ma i genitori del bimbo, che si sono costituiti parte civile con l'avvocato Catia Salvalaggio chiedendo un risarcimento di 75 mila euro, hanno calato il loro asso nella manica: due giorni dopo il parto, avrebbero registrato direttamente dal letto d'ospedale una conversazione con un collega del ginecologo il quale affermava che roberto Baccichet aveva sbagliato. Registrazione “pirata” che la parte civile ha chiesto che venisse acquisita come prova. Il giudice, che si è riservato la decisione, stabilirà a fine aprile se sia o meno utilizzabile. Nel frattempo il quadro accusatorio rimane lo stesso, anche a fronte della perizia del Ctu: il ginecologo avrebbe sottovalutato la sofferenza fetale del nascituro e non avrebbe disposto per tempo il parto cesareo. Diversa invece la versione del medico, accusato di lesioni colpose e assistito dall'avvocato Piero Pignata, secondo cui il monitoraggio del nascituro durante il travaglio non avrebbe evidenziato una mancanza di ossigenazione. I parametri insomma sarebbero stati nella norma, come proverebbero gli esiti delle consulenze di parte (e per vari aspetti anche quella del professor Barbuti). Stando alla ricostruzione degli inquirenti, la donna avrebbe avuto una gravidanza tranquilla. Durante il travaglio venne sempre tenuta sotto monitoraggio. Quando iniziò ad avvertire dei dolori, avrebbe chiesto al medico di praticare il cesareo, che secondo il ginecologo non sarebbe stato necessario. Ad accorgersi della sofferenza fetale, dopo il cambio di turno, fu il medico subentrante. Per l'accusa insomma si doveva agire prima, per la difesa i problemi si sarebbero manifestati in seguito, comunque non per imperizia del dottore. A maggior ragione per la presenza di quella membrana nella laringe che avrebbe mandato in sofferenza il bambino e che non sarebbe evidenziabile da nessun esame specifico.