Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Grande professionista e padre del golf del nostro territorio

IL MAESTRO RENZO TRENTIN NELLA “HALL OF FAME”

Il veneziano insignito del riconoscimento della Pga italiana


VENEZIA - E' il gotha del professionismo sportivo: pochissimi nomi accomunati dal loro impegno nel golf come giocatori, organizzatori di eventi, seminatori ad altissimo livello.

“Salone della Fama” letteralmente, o “Arca della Gloria”, secondo un'immagine più suggestiva, la “Hall of Fame” istituita dalla PGA Italiana ha lo scopo di dare il giusto riconoscimento a chi ha contribuito alla valorizzazione e diffusione di questo gioco nel mondo.

Ecco allora i 19 nomi insigniti di questo prestigioso titolo: Alfonso Angelini, Roberto Bernardini, Aldo Casera, Alberto Croce, Baldovino Dassù, Federica Dassù, Donato Di Ponziano, Carlo Grappasonni, Ugo Grappasonni, Diana Luna, Matteo Manassero, Pietro Manca, Massimo Mannelli, Edoardo Molinari, Francesco Molinari, Francesco Pasquali, Costantino Rocca, Franco Rosi, Renzo Trentin.

Renzo Trentin, veneziano, classe 1946, è attualmente Maestro di Golf presso il Circolo Golf Venezia, Golf Club Villa Condulmer e Golf Club Asolo.

Divenuto Professionista già a 16 anni, ha accumulato negli anni incarichi professionali ad alto livello come Allenatore Federale, Direttore Tecnico delle Squadre Nazionali Maschili, Responsabile dello Staff Professionistico per l’Attività Giovanile Nazionale, Membro della Commissione Esami della Scuola Nazionale Professionisti; è da dodici anni nel Consiglio Direttivo della PGA Italiana e premiato 3 volte come “Seminatore d'Oro” (1986-1989-1990),

 

Ha coltivato professionisti di alto livello tra i quali Massimo Scarpa vincitore del Campionato Europeo Assoluto e del Campionato Europeo a Squadre Juniores; Anna Rossi vincitrice del Campionato Internazionale Lady d’Inghilterra e del Campionato Europeo Championship Femminile; Mariapaola Casati Campionessa Internazionale d’Italia; Caterina Quintarelli vincitrice dei Campionati di Francia e Spagna Juniores e d’Africa Assoluti; Antonio Lionello Campione Internazionale d’Italia; Enrico Trentin vincitore del Campionato Mondiale a Squadre Militare e terzo classificato nel Campionato Individuale Mondiale Militare

Renzo Trentin con i suoi allievi ha ottenuto 9 titoli internazionali e 65 titoli nazionali.

Nel 2004 con il figlio Enrico ha istituito la “Ret Golf Team”, fucina di grandi talenti, che vanta giocatori dell’Alps Tour quali: Kim Joon, Gabriele Heinrich, Lorenzo Scotto, Alfredo Pazzeschi e per il Tour Femminile: Margherita Rigon, Tullia Calzavara e Anna Rossi.

Anche nel Tour USA troviamo una giocatrice della Ret Golf Team: la fortissima Giulia Molinaro.

Per Renzo Trentin il golf è la vita; con un occhio infallibile intuisce le potenzialità di un giocatore dalle prime mosse in driving range, sa coglierne i difetti al primo sguardo, e riesce a correggerli con caparbia tenacia. Incline ad osservare le giovani leve, è attento ai progressi di ciascuno, ed ha sempre sotto controllo i risultati ed i successi di tutti nelle singole gare.

Il suo impegno si esplica anche nell'organizzazione di eventi golfistici a scopo benefico per “La Città della Speranza”, per “l’AREP Treviso” e per i “Ragazzi del Kenia di Padre Angelo”.

Nel 2008 è stato insignito del titolo di “Cavaliere del Lavoro”.