Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un mese e 23 giorni convertiti in 13.300 euro di multa per una 32enne di Paese

FARMACI RUBATI AL CA' FONCELLO: EX INFERMIERA PATTEGGIA LA PENA

Colpiti i reparti di pediatria e geriatria: trafugava benzodiazepine


TREVISO – (gp) La strategia era quella di risarcire l'Ulss 9 del danno subìto in modo da contenere il più possibile la pena e di convertirla da detentiva a pecuniaria. Ma la stessa azienda sanitaria ha deciso di non accettare denaro in quanto il danno economico è risultato in pratica nullo, visto che tutta la merce trafugata è stata restituita. In più l'ex infermiera 32enne di Paese, difesa dall'avvocato Alessandra Nava sostituita in aula dall'avvocato Salvatore Cianciafara, si è vista derubricare il reato da furto aggravato a tentato furto, ottenendo un patteggiamento a un mese e 23 giorni di reclusione, convertiti in 13.300 euro di multa con sospensione condizionale della pena. Per l'accusa la donna rubava medicinali nel reparto di pediatria del Ca' Foncello per calmare la sua dipendenza dalla droga. Stando a quanto sostenuto dal pm Giovanni Valmassoi, non ci sarebbero dubbi sul fatto che sia stata lei nel gennaio 2012 ad asportare dagli armadietti della pediatria quelle sei fiale di Midazolam, una benzodiazepina ad azione rapida con effetto sedativo utilizzata per lo più nel campo dell'anestesia. E anche l'imputata non ha mai negato di essere la responsabile di quanto le veniva contestato. Il caso era venuto alla luce in seguito ad alcune segnalazioni della direzione sanitaria dell'ospedale che si era accorta degli ammanchi di farmaci. Il fatto che dagli armadietti scomparissero sempre gli stessi medicinali, soprattutto farmaci derivati dagli oppiacei, aveva destato qualche sospetto. E ben presto ricaddero tutti sull'ex infermiera, che a gennaio del 2012 venne sorpresa mentre si aggirava nel reparto di pediatria in piena notte. La Squadra Mobile di Treviso venne messa così sulle sue tracce. Dopo aver scoperto che nel novembre 2011, al termine di tre anni di servizio, si era licenziata, i poliziotti hanno deciso di perquisire la sua abitazione dove vennero rinvenuti alcuni flaconi di Midazolam. Una volta scoperta l'ex infermiera ha confessato tutto, dicendo inoltre di aver asportato anche nell'ottobre precedente alcuni farmaci dal reparto di geriatria.