Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Procura dei Minori di Venezia chiede l'affidamento del piccolo ai servizi sociali

SESSO DI GRUPPO DAVANTI AGLI OCCHI DEL FIGLIO DI SETTE ANNI

Nei guai la madre e il nuovo compagno: in casa anche scambi di coppia


TREVISO – (gp) Sesso di gruppo in casa davanti agli occhi del figlio di sette anni. Un retroscena agghiacciante confermato dalla stessa madre del ragazzino in alcune intercettazioni telefoniche che inchioderebbero non solo la donna, un'impiegata di 34 anni, ma anche il suo nuovo compagno. A portare la vicenda sui tavoli della Procura dei minori di Venezia è stato il padre del piccolo dopo un colloquio avuto con le maestre alle quali è stato lo stesso ragazzino a raccontare cosa avveniva tra le mura domestiche. Un'accusa che doveva comunque essere verificata stabilendo se i particolari svelati dal bambino di 7 anni fossero veri o meno. E sarebbero stati gli agenti della Polizia a provare che quanto descritto dal bimbo corrisponderebbe davvero a realtà: messi sotto controllo i telefoni della madre e del nuovo compagno, le loro conversazioni farebbero riferimenti espliciti a orge in casa alla presenza del piccolo. Un elemento che ha spinto la Procura dei Minori di Venezia a chiedere l'affidamento del bimbo ai servizi sociali.