Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Procura dei Minori di Venezia chiede l'affidamento del piccolo ai servizi sociali

SESSO DI GRUPPO DAVANTI AGLI OCCHI DEL FIGLIO DI SETTE ANNI

Nei guai la madre e il nuovo compagno: in casa anche scambi di coppia


TREVISO – (gp) Sesso di gruppo in casa davanti agli occhi del figlio di sette anni. Un retroscena agghiacciante confermato dalla stessa madre del ragazzino in alcune intercettazioni telefoniche che inchioderebbero non solo la donna, un'impiegata di 34 anni, ma anche il suo nuovo compagno. A portare la vicenda sui tavoli della Procura dei minori di Venezia è stato il padre del piccolo dopo un colloquio avuto con le maestre alle quali è stato lo stesso ragazzino a raccontare cosa avveniva tra le mura domestiche. Un'accusa che doveva comunque essere verificata stabilendo se i particolari svelati dal bambino di 7 anni fossero veri o meno. E sarebbero stati gli agenti della Polizia a provare che quanto descritto dal bimbo corrisponderebbe davvero a realtà: messi sotto controllo i telefoni della madre e del nuovo compagno, le loro conversazioni farebbero riferimenti espliciti a orge in casa alla presenza del piccolo. Un elemento che ha spinto la Procura dei Minori di Venezia a chiedere l'affidamento del bimbo ai servizi sociali.