Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Patteggiano due titolari della cava Boccato e il datore di lavoro di Alessio Guerra

OPERAIO MORTO DOPO SEI ANNI DALL'INFORTUNIO: PRIMI VERDETTI

Rinviato a giudizio il terzo socio: il processo inizierÓ a metÓ settembre


RONCADELLE – (gp) Primi verdetti per la per la morte di Alessio Guerra, il 31enne deceduto il 13 gennaio 2012 in seguito al grave infortunio di cui era rimasto vittima sei anni prima, alla cava Boccato a Roncadelle di Ormelle, a causa del quale rimase tetraplegico. Quattro gli imputati che sono comparsi di fronte al gup Umberto Donà per rispondere del reato di omicidio colposo per violazioni in materia di antinfortunistica sui luoghi di lavoro. Tre di loro hanno scelto la via del patteggiamento, il quarto ha deciso di non optare per alcun rito alternativo per dimostrare la propria innocenza. Il giudice ha inflitto un anno, sei mesi e venti giorni a Lionello Boccato, un anno, cinque mesi e dieci giorni a Danilo Boccato (i titolari della cava in cui si verificò l'incidente), e un anno e sei mesi a Flavio Vedovato, il datore di lavoro di Alessio Guerra. Per tutti è stata anche disposto la sospensione condizionale della pena. Rinviato a giudizio invece Paolo Trentin (il terzo titolare della cava): per lui il processo inizierà a metà settembre. Era il 10 giugno 2006 quando il giovane, mentre stava eseguendo lavori di manutenzione in un impianto della ditta di trasporto ghiaia, rimase schiacciato dal peso di un cassone in metallo che stava alzando con i colleghi. Ebbe inizio così il suo calvario: rimasto tetraplegico, Alessio fu prima ricoverato a Treviso, poi a Vicenza e Udine, fino al ritorno a casa dove la famiglia lo ha sempre accudito amorevolmente. Guerra aveva trascorso gli ultimi tre mesi di vita in rianimazione a San Donà per un'infiammazione alle vie respiratorie. Sembrava essersi ripreso, ma poi subentrò improvviso il peggioramento che gli fu fatale. Inizialmente venne indagato anche il medico di base di Guerra in quanto avrebbe sottovalutato una broncopolmonite del suo paziente che ne causò poi la morte. Il tribunale di Venezia aveva in seguito disposto l'archiviazione della sua posizione.